Earth Changes

Yellowstone, il supervulcano è 2,5 volte più grande del previsto! Preoccupazione tra gli scienziati

Nuove misurazioni dei sismometri e le vibrazioni causate dalle piccole scosse della terra intorno al Parco Nazionale di Yellowstone, ha permessp agli scienziati dell’Università dello Utah hanno di scoprire una nuova vasta area magmatica, che si nasconde sotto la superficie di una riserva naturale unica, 2,5 volte più grande di quanto si pensasse.

Yellowstone National Park è un’isola di natura incontaminata, ricca di paesaggi pittoreschi e famosi geyser e laghi bollenti, che attirano migliaia di turisti ogni anno. Tuttavia, quello che c’è sotto tutto questo splendore, sta causando preoccupazione tra gli scienziati.

 

Yellowstone Park è solo un velo sottile, sotto il quale vi è una piscina gigante di roccia fusa che si trova appena sotto la superficie della Terra. Il cuore del magma, nascosto nelle profondità della riserva, ha una superficie di 2.700 chilometri quadrati e contiene 300 miliardi di metri cubi di roccia fusa.

Gli scienziati predicono una nuova eruzione del supervulcano, che, secondo loro, potrebbe spazzare via il Nord America e avere un enorme impatto negativo sul clima, nel resto del mondo. Secondo i loro calcoli, le eruzioni vulcaniche di Yellowston si verificano all’incirca una volta ogni 700 mila anni.

La più recente eruzione del supervulcano si è verificata all’incirca 640 mila anni fa, coprendo di cenere e colate di lava tutto il Nord America. Il volume di fumo e residui di roccia erano così grandi che hano causato il cambiamento climatico sul pianeta Terra.

Redazione Segnidalcielo

riferimenti: link

SHARE
RELATED POSTS
Enorme “Anomalia d’Onda” catturata sulla mappa MIMIC proveniente dal Golfo del Messico (USA) e diretta verso l’isola di Ascension (UK)
Esperto del calendario Maya dichiara: “Il 24 maggio 2017 ci sarà un evento più significativo del 21 dicembre 2012”
Scienziati di Berkeley: “la Stella Nemesis si trova oltre il nostro sistema solare ma potrebbe arrivare in tempi brevi”

Comments are closed.