Misteri Vita nel Cosmo

VITA NEL COSMO: il Paradosso di Fermi e l’ipotesi dello Zoo Cosmico di Ball

 Enrico Fermi fece una domanda conosciuta come il Paradosso di Fermi ed è davvero importante:  sulla base del numero di galassie che conosciamo, di quante stelle ci sono dentro quelle galassie, e di quanti pianeti orbitano potenzialmente su quelle stelle, il calcolo probabilistico afferma che ci dovrebbe essere vita aliena, ancora più antica della nostra razza umana.

Allora, dove sono tutti?

Questa domanda , conosciuta come il  Paradosso di Fermi , è un pensiero assolutamente logico, se si considera quanto sia immenso l’Universo: tra le tante ipotesi che tentano di dare una risposta, la più stimolante è la cosiddetta ipotesi dello zoo.

Risultati immagini per enrico fermi, paradox, alien

Enrico Fermi

L’ipotesi dello zoo fu pensata da  John Ball, nel 1973:  il radioastronomo del MIT , ha affermato che potrebbe esistere vita aliena nell’ Universo, ma che senz’altro ci stanno volontariamente ignorando, osservandoci mentre viviamo in uno “zoo cosmico” definito “santuario della fauna selvatica”: in questo spazio, essi possono serenamente monitorare ogni nostra attività senza che noi ce ne rendiamo conto. Secondo Ball, la vita aliena esiste, ed è talmente avanzata, da  non voler influire sulla nostra società primitiva che non sa di essere osservata da altre forme di “vita intelligente”. 

vita aliena in altre dimensioni

Questo ha un senso, se si considera che la vita potrebbe essersi evoluta e progredita ad un ritmo molto più veloce su altri pianeti nella nostra galassia.  “E un altra civiltà, un millennio più vecchia di noi e  probabilmente usa una tecnologia per le comunicazioni interstellari, come i raggi gamma modulati, che noi umani non abbiamo ancora imparato ad utilizzare”, spiega il radioastronomo.

Questa nozione, richiama anche le affermazioni del fisico Stephen Hawking: la realtà infatti,  potrebbe essere composta da molteplici universi, in numero limitato e tutti abbastanza simili tra loro e l’ultimo lavoro di Hawking pone dei limiti all’infinità della struttura cosmica in precedenza teorizzata.

di Monica Ellini

per la Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Il Vaticano attende l’arrivo del “Messia Extraterrestre”
Scienziati canadesi hanno scoperto Forme di Vita sconosciute tra i resti di un meteorite
Dopo la scoperta del sistema stellare TRAPPIST-1, la NASA invia Sonde Spaziali all’interno dei “Portali Magnetici”

Comments are closed.