Minaccia Biologica

Virus Ebola: forse trovata una cura grazie ad un siero proveniente dagli Stati Uniti. I medici infettati stanno migliorando

Il virus Ebola non da tregua e non concede pace. Il numero delle vittime in Africa aumenta giornalmente in maniera impressionante. Uno spiraglio di luce e di speranza arriverebbe però da New York grazie ad un siero sperimentale segreto che sembrerebbe debellare la malattia. Il siero è stato somministrato ai due medici americani infettati e le loro condizioni sono decisamente migliorate.

ebola_virus alert

Le condizioni dei pazienti, dopo somministrazione del trattamento antivirale sperimentale, sono migliorate nel giro di un’ora

Secondo la rete televisiva Cnn, il National Institutes of Health americano ha inviato in Liberia tre fiale di un trattamento sperimentale. Le condizioni dei pazienti sono migliorate nel giro di un’ora, tanto da permettere il ritorno negli States del medico contagiato.

image

Il funzionamento del siero consiste nel prevenire l’ingresso del virus della febbre emorragica in nuove cellule dell’organismo e quindi a impedire la diffusione dell’infezione nel corpo

Che si sia forse trovata la soluzione a questo virus killer?

L’Ebola continua inesorabilmente a mietere vittime nel continente africano, il numero dei morti è salito a 887 con oltre 1600 casi di contagio. Fortunatamente una probabile soluzione all’epidemia sembrerebbe essere stata trovata in un siero sperimentale segreto. Tre fiale di questo liquido, secondo la CNN, sarebbero state usate su Kent Brantly e Nancy Writebol, i due medici americani infettati in Liberia; le loro condizioni sono in netto miglioramento ed il siero sembrerebbe dunque in grado di curare questa forte epidemia.

health-ebola-usa

a destra il Dr. Kent Brantly

Il siero si chiama “ZMapp” ed è stato sperimentato con successo su alcune scimmie che sono miracolosamente sopravvissute all’Ebola. Da qui la decisione, comunque rischiosa, di iniettare il siero sui medici americani. I due pazienti, le cui condizioni stavano decisamente peggiorando, dopo aver beneficiato di questo siero sono decisamente migliorati ed al momento sembrerebbero essere fuori pericolo.

Il siero è stato infuso per endovena e nel giro di un’ora le condizioni dei pazienti sono decisamente migliorate, tanto da permettergli di alzarsi e camminare tranquillamente. Nel frattempo purtroppo è stato accertato un nuovo caso di Ebola in Nigeria, con un medico che sarebbe stato contagiato dopo il contatto diretto con Patrick Sawyer, il funzionario americano dell’ambasciata liberiana morto a luglio dopo il contagio. Altre 70 persone, entrate in contatto con il medico, sono state messe in osservazione, di cui 8 in quarantena.

ebola-epidemia

Il virus Ebola dunque impazza e sta gettando il continente africano nel caos, la speranza al momento è riposta su questo siero che sembrerebbe in grado di curare l’epidemia. Purtroppo l’Ebola è una malattia molto rara ed alle case farmaceutiche non conviene investire nella ricerca, gli unici che possono farlo sono gli istituti pubblici. A settembre un vaccino verrà sperimentato per la prima volta sull’uomo da Anthony Fauci un noto ricercatore, nella speranza che si ponga definitivamente fine all’incubo Ebola.

A cura di Stefano Sorce

Redazione Segnidalcielo

———————————-

SHARE
RELATED POSTS
Fukushima: “pericolo di evacuazione dell’emisfero nord della Terra»
Astronomo dell’Osservatorio di Zagabria dichiara: “la Polvere Cosmica di NIBIRU sta penetrando l’Atmosfera della Terra”
Colonie di batteri killer nei carburanti degli aerei: la contaminazione arriva dal cielo

Comments are closed.