UFO

Una Razza Aliena Ostile ha bombardato Marte con Armi Nucleari

Secondo il dottor John Brandeburgo, su Marte c’era una civiltà avanzata come gli antichi Egizi sulla Terra, e la conclusione che ha raggiunto dopo le sue indagini è che è molto probabile che la civiltà marziana è stata annientata con bombe nucleari con premeditazione da una razza aliena. E le prove di questo genocidio possono essere viste oggi.

Nel 2011 lo scienziato aveva postulato che il colore rosso di Marte potrebbe essere dovuto ad un’esplosione termonucleare naturale: “La superficie marziana è ricoperta da un sottile strato di sostanze radioattive, tra cui l’uranio, torio e potassio radioattivo  – dichiara il Dr. Brandeburgo – e un modello realizzato al computer. mostra come le radiazioni  vengono irradiate da un punto preciso su Marte. Un’esplosione nucleare avrebbe potuto inviare tutti questi rifiuti in tutto il pianeta.” Da allora, Brandeburgo ha avanzato la sua teoria stabilendo che poteva essere causa di un’esplosione naturale.  Ma invece poi ha suggerito che era l’atto premeditato di una razza aliena intelligente che aveva bombardato la superficie di Marte con armi nucleari.

Risultati immagini per nuclear battle on mars, cydonia

La conclusione del suo ultimo saggio afferma che gli isotopi nucleari nell’atmosfera assomigliano a quelli di una bomba all’idrogeno, “forse lanciata dallo spazio in un attacco nucleare su Marte”. Ciò sarebbe supportato dai dati sull’alta concentrazione di Xenon-129 presente nall’atmosfera marziana e dall’uranio e dal torio dalla superficie, dati raccolti dal Mars Odyssey della NASA. In precedenza, gli scienziati hanno sottolineato che la presenza di questi elementi non è sorprendente perché sono elementi naturali trovati ovunque. Tuttavia, il dott. Brandenburg è riluttante a tali argomenti e afferma di essere convinto con prove alla mano, che almeno due esplosioni nucleari sono avvenuto sulla superficie marziana.

Risultati immagini per nuclear battle on mars

La teoria si basa sul fatto che una volta Marte aveva un clima simile a quello della Terra, con vita animale e vegetale e una civiltà intelligente avanzata come gli antichi egizi del vicino pianeta Terra. Le splosioni avrebbero avuto luogo in diverse regioni tra cui Cydonia Mensae, dove si trovano una serie di strutture piramidali insieme alla famosa Sfinge di Marte. Secondo il dottor Brandenburg le costruzioni piramidali della regione di Cydonia, sarebbero state realizzate da una antica civiltà marziana. L’altra regione dove ci sono state esplosioni nucleari sarebbe quella di Galaxias Chaos.

 “Le ultime immagini dell’Orbiter e del robot su Marte mostrano una forte evidenza di oggetti archeologici erosi”, ha detto lo scienziato in una dichiarazione prima della sua presentazione svolta in un recente convegno. Il Dr. Brandeburgo sostiene che la sua teoria potrebbe spiegare il paradosso di Fermi – la contraddizione tra le stime dicono che c’è un’alta probabilità di esistenza di civiltà intelligenti nell’universo, e l’assenza di prove di tali civiltà. Inoltre, lo scienziato crede che dobbiamo preparare una missione con equipaggio su Marte il prima possibile per scoprire cosa è realmente accaduto in passato. “Provvidenzialmente, siamo già avvertiti di questo possibile aspetto del cosmo, ovvero potrebbero esistere una o più razze aliene (anche ostili) che vagano nello spazio in cerca di pianeti abitati.”

Non si può negare che, a parte i pregiudizi antropocentrici ortodossi, la teoria di Brandeburgo suona più che interessante. Gli antichi scritti indù ci parlano di battaglie nucleari tra gli “dei” avvenuto nel passato, e persino prove sul nostro pianeta suggeriscono la presenza di tali armi nucleari,   come accaduto ad esempio nella città di  Mohenjo-Daro.

A cura della Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Turchia: caccia F5 e un elicottero militare, tentano di intercettare gli UFO
Messico, spettacolare avvistamento di un “disco volante” nei cieli di Morelia
Pakistan: bambini trovano piccola creatura Aliena nella periferia di Lahore – il video

Comments are closed.