Scienze News

Nuova teoria basata sull’Entanglement Quantistico, afferma che la mente esiste in altra Dimensione!!

Nuove teorie sull’Entanglement Quantistico sembrano affermare che la mente esiste in altra Dimensione. La relazione tra mente e cervello si presenta dalle origini della cultura occidentale, come punto focale nell’analisi dell’essere umano. A questo proposito si sono sviluppate diverse ipotesi: il progredire delle neuroscienze e gli studi continui sul tema, propongono ulteriori contenuti su questa misteriosa, dagli aspetti davvero significativi.

Alcuni studiosi sostengono, che la mente è strettamente una funzione del cervello, e che i cosiddetti “fenomeni mentali”, siano delle circostanze che dipendono esclusivamente da uno stato elettrochimico del cervello;  una gran parte oggi invece, sta cercano di comprendere scientificamente, l’esistenza di una mente indipendente, o almeno in una certa misura, separata dal cervello e collegata allo spirito: la coscienza.

Risultati immagini per Quantum Entanglement Says Your Mind Exists In Another Dimension

La rivista scientifica  Neuro Quantology , che riunisce neuroscienze e fisica quantistica, nel settembre del 2017 pubblica un articolo che riesamina la questione: lo studio presenta un modello unitario, che ridefinisce la fisica della coscienza e della dinamica di informazione, nello spazio celebrale, che avverrebbe tra i vari livelli dell’Universo e i sistemi viventi.

Lo studio del Dr. Meijer e del Dr Geesink

 Il documento presentato dal Dr. Meijer, professore all’Università di Groningen nei Paesi Bassi, e dal Dr.Geesink , biofisico esperto di nanotecnologia e schermatura elettromagnetica; espone lo studio che li ha condotti ad identificare un nuovo  sistema di scambio di informazioni tra mente e cervello, portandoli a concludere, che il sistema vivente e i processi di informazione sottostanti alla coscienza, siano basati su un livello molto più profondo e fondamentale dell’Universo.

Risultati immagini per Dr. Dirk Meijer

Dr. Dirk Meijer (Courtesy of Dr. Dirk Meijer)

 Il dr. Meijer nella sua ricerca afferma: “Il nostro cervello non è un organo di processamento dell’informazione “indipendente”: esso agisce come parte centrale del nostro sistema nervoso e scambia informazioni continuamente con l’organismo e il cosmo. In questo studio il cervello è visto come integrato in un” campo olografico” e strutturato in modo da interagire con le strutture sensibili delle cellule del corpo umano. Per poter spiegare risposte ultra-rapide anticipate del cervello e l’operatività efficace del sistema neurale meta-stabile, si propone un campo ricettivo mentale che comunica col cervello. Il nostro sistema nervoso è visto come una rete composta da multi-cavità, che interagisce col suddetto dominio meta-cognitivo: esso integra, tra altri, schemi discreti di frequenze proprie (eigenfrequencies) di onde fotoniche/solitoniche, aggiornando costantemente uno spazio di memoria simmetrico nel tempo dell’individuo. La sua organizzazione toroidale, permette l’accoppiamento di energia gravitazionale, oscura e di punto zero (ZPE), così come di energia del campo magnetico terrestre,  trasmettendo informazioni nel tessuto cerebrale, necessario al processo di informazione conscia e sub-conscia.

Immagine correlata
Proponiamo che tale campo ricettivo, interagendo con il sistema nervoso, generi l’auto-coscienza e operi da una quarta dimensione spaziale (ipersfera). La sua struttura funzionale è adeguatamente definita dalla geometria del toroide, visto come unità basilare (operatore) dello spazio-tempo. Quest’ultimo è strumentale nel raccogliere lo schema di frequenze solitoniche che fornisce un algoritmo, per i processi coerenti della vita. Si postula che la coscienza nell’intero Universo emerga attraverso accoppiamento invariante di scala e toroidale, di vari campi di energia, che possono includere correzione d’errore quantistico. Nel cervello della specie umana, questo prende la forma del proposto spazio di lavoro olografico, che raccoglie informazione attiva in un “orizzonte degli eventi cerebrale”, rappresentando un modello interno ed integrale del .

Questo spazio superiore è equipaggiato per convertire onde coerenti di energia in onde stazionarie / attrattive che guidano l’ambiente corticale in una coordinazione superiore di riflessione , azione e sincronicità di rete, come richiesto dagli stati di coscienza. In relazione al suo carattere invariante di scala, troviamo supporto per una matrice di informazione universale, descritta a fondo precedentemente, come ordine implicato in uno spettro di teorie della fisica corrente. La presenza di uno spazio di lavoro ricettivo di campi e risonante, associato con, ma non riducibile a, il nostro cervello, può fornire una interpretazione per stati di coscienza trans-personali ampiamente riportati, ma poco compresi seppur all’ origine algoritmica della vita. Esso punta anche ad una connessione profonda dell’umanità con il cosmo e ad una nostra superiore responsabilità per il futuro del pianeta.”

Immagine correlata

In altre parole, la “mente” è un campo che esiste attorno al cervello; raccoglie informazioni dall’esterno  le comunica al cervello in un processo estremamente veloce: il dr. Meijer ha descritto questo campo, alternativamente, come “uno spazio di lavoro mentale ricettivo”, un dominio meta-cognitivo, nonchè spazio di memoria globale dell’individuo.

Esiste infatti un mistero irrisolto nelle neuroscienze chiamato “problema vincolante“: diverse parti del cervello sono responsabili di cose diverse: alcune parti lavorano sull’elaborazione del colore, altre sull’elaborazione del suono, eccetera.

Ma, in qualche modo tutto viene insieme come percezione o coscienza unificata!

Le informazioni si uniscono e interagiscono nel cervello più rapidamente di quanto possa essere spiegato dalla nostra attuale comprensione, sulle trasmissioni neuronali : sembra quindi che la mente sia molto di  più che solo un insieme di neuroni nel cervello. I neuroscienziati stanno ancora cercando un meccanismo per questo “legame” di parti disparate dell’elaborazione delle informazioni del cervello.

L’ entanglement quantistico e il tunneling

Meijer invece,  ha trasformato in entanglement quantistico e tunneling per parte della risposta. L’entanglement quantico è un fenomeno in cui le particelle sembrano essere collegate su vaste distanze. Quando le azioni vengono eseguite su una delle particelle, le modifiche corrispondenti vengono osservate sulle altre contemporaneamente.Il tunnelling quantico invece,  è un fenomeno in cui una particella attraversa una barriera che non dovrebbe essere in grado di seguire secondo la fisica classica. Questi fenomeni quantistici consentono processi così rapidi, che non possono essere spiegati con la fisica classica. Quindi possono aiutare a spiegare i processi mentali subconsci ultraveloci.

I principi della fisica quantistica possono spiegare come la mente elabora le informazioni. La mente e il cervello, secondo Meijer, sono collegati. Sono unificati, ma separati; e i principi della fisica quantistica, potrebbero spiegare come la mente elabori le informazioni.

Immagine correlata

La mente e la quarta dimensione

Meijer ipotizza che il campo mentale sia in un’altra dimensione: “Il fatto che non possiamo percepire direttamente questo aspetto dell’informazione è tradizionalmente attribuito a una quarta dimensione spaziale nascosta … che non può essere osservata nel nostro mondo tridimensionale, ma può essere derivata matematicamente.”

Ha chiarito che questa quarta dimensione spaziale non è il tempo (il tempo è comunemente descritto come la “quarta dimensione”). Piuttosto, questo è un concetto di spazio-tempo che include quattro dimensioni spaziali, oltre al tempo: alcuni studi che hanno suggerito che questo concetto di dimensioni potrebbe riconciliare le mancate corrispondenze tra la fisica tradizionale e la fisica quantistica, che oggi affliggono gli scienziati.

Meijer immagina una sorta di schermo o confine tra il mondo esterno e il campo mentale individuale. Paragona questo limite all’orizzonte degli eventi di un buco nero: “si presume che le informazioni che entrano in un buco nero dall’esterno non vadano perse, ma … piuttosto vengono proiettate sul suo schermo esterno, chiamato ‘orizzonte degli eventi'”, ha scritto Meijer, “la coscienza è una condizione al confine tra una singolarità (buco nero) e lo spazio all’interno del cervello.” L’ orizzonte degli eventi separa “un modello mentale della realtà per uso interno in ogni individuo” da tutto ciò che esiste al di fuori di esso. Eppure è collegato a una “matrice di informazioni universale“.

La capacità del campo mentale di raccogliere informazioni da altri campi, come concepito da Meijer, potrebbe anche spiegare alcuni fenomeni anomali, come la percezione extrasensoriale, ha osservato il professore e da quando la fisica quantistica è emersa gli scienziati hanno esplorato la sua capacità di spiegare la coscienza. Il lavoro di Meijer rientra in questa esplorazione.

Come Meijer, Penrose e Hameroff , sostengono che esista una connessione tra i processi biomolecolari del cervello e la struttura di base dell’universo”.  Hameroff ha detto in un’intervista al blog Singularity: “La maggior parte degli scienziati non può spiegare la coscienza nel cervello, quindi non possono neanche dire che questa teoria è impossibile.”

 Monica E.

Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
La spettacolare “Grotta dei Cristalli” di Naica (Messico)
NASA: una super tempesta mai vista prima, ha innalzato la temperatura su Saturno
Confermata la teoria degli anni ’80! Passare dalla luce alla materia ora è possibile

Comments are closed.