UFO

Un UFO compare nei cieli dell’Alabama dopo apertura di un Portale Dimensionale!

Un pendolare di nome Nicholas, è riuscito a catturare in un video, l’avvistamento di un UFO e di un ,presunto portale dimensionale, apparso nei cieli dell’ Alabama.

Il canale You Tube “MRMB333”, ha pubblicato l’eccezionale clip filmato da Nicholas, durante un temporale in corso e di una vera e propria tempesta elettrica: nel video possiamo vedere un oggetto simile ad un UFO che vola vicino ad una forma luminosa nel cielo, perfettamente compatibile con un portale interdimensionale.

Il video, analizzato, suggerisce l’ingresso dell’UFO all’interno del portale: i portali come questi infatti, agiscono come un passaggio tra due mondi, e vengono usati secondo le teorie dei ricercatori, come un canale per viaggiare attraverso spazi differenti in un tempo breve.

Il video, diventato immediatamente virale, ha collezionato oltre 140.000 visualizzazioni, e gli spettatori sono già pronti alle ipotesi su cosa potrebbe realmente essere, l’oggetto ripreso nel video.  La maggior parte degli spettatori che hanno guardato il video, hanno sostenuto che la tempesta elettrica nel cielo sia avvenuta proprio a causa dell’ improvvisa apertura del portale.

Alcuni ipotizzano che invece le tempeste elettriche siano il risultato dell’arrivo di Nibiru nell’orbita terrestre.  Panda Nuke, un utente di You Tube, è convinto dell’esistenza del portale, artefice della tempesta elettrica. Non è la prima volta infatti, che gli UFO vengono avvistati proprio durante i temporali: alcuni giorni fa, quattro oggetti volanti non identificati, sono stati avvistati durante alcuni temporali in IOWA.

Il video clip di questo avvistamento è stato inviato immediatamente a MUFOn (Mutual UFO Network), per le indagini del caso.

a cura di Monica Ellini

Per Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
‘X FILES’ svela i terrificanti piani dell’Elite che domina il mondo!!
Islanda: una vera e propria creatura mostruosa vivrebbe nel lago Lagarfljot
Ennesimo avvistamento UFO registrato dalla Stazione Spaziale Internazionale

Comments are closed.