Archeologia Misteriosa UFO

Un nuovo studio genetico suggerisce che i Faraoni dell’Antico Egitto erano ibridi Extraterrestri

Un nuovo studio suggerisce che un lignaggio genetico di faraoni egiziani è stato sottoposto ad una manipolazione genetica intenzionale da parte di una civiltà tecnologicamente avanzata. Qualcuno potrebbe dire che si tratta di una prova inconfutabile che i costruttori delle Piramidi,  erano intimamente legati ad esseri che provenivano da un altro pianeta. La storia va cambiata?

Il Dr. Stuart Fleischmann, assistente professore di genomica comparativa presso l’Istituto svizzero a El Cairo, ha recentemente pubblicato i risultati di uno studio di 7 anni che  ha mappato il genoma di nove antichi faraoni egiziani. I loro risultati potrebbero potenzialmente cambiare i libri della storia mondiale.

alieni ibridi egiziani495

Fleischmann e il suo team hanno presentato i campioni di DNA in un processo chiamato reazione a catena della polimerasi (PCR). Nel campo della biologia molecolare, questa tecnica viene spesso utilizzata per replicare ed amplificare una singola copia di un pezzo di DNA, fornendo ai ricercatori un quadro chiaro di impronta genetica di qualcuno.

alieni ibridi egiziani490

Otto nuovi campioni hanno mostrato risultati interessanti ma banali. Il campione nono apparteneva invece ad Akhenaton, la figura enigmatica femminista e rivoluzionaria del 14 ° secolo aC, il padre di Tutankhamon. Questa ricerca ha rivelato che Akhenaten aveva una capacità cranica molto più grande della media, a causa della necessità di accogliere una corteccia più imponente. Ma quale mutazione umana consentirebbe al cervello di crescere così tanto? Non abbiamo ancora scoperto una tecnica nonostante anni di progressi scientifici nel campo della genetica.

alieni ibridi egiziani491

Questa antica testimonianza di 3.300 anni fa sarebbe il segnale di una manipolazione genetica nell’antichità? Era l’opera di esseri avanzati? Fleischmann spiega che: ” La telomerasi (un gene dell’enzima) è utilizzato solo in due processi: un invecchiamento estremo o mutazione estrema. I dati archeologici e genetici suggeriscono che  Amenofi IV o Amenhotep IV/ Akhenaton ha vissuto fino al suo 45° anno.  Questo è sufficiente per esaurire l’intero corredo cromosomico telomerasi, lasciando dietro di sé una spiegazione imbarazzante, ma plausibile.

alieni ibridi egiziani494

Questa ipotesi è supportata anche dal fatto che l’analisi al microscopio elettronico hanno rivelato segni di cicatrici nucleotidi, che è un segnale indicativo della guarigione dell’elica del DNA dopo essere stati esposti agli agenti mutageni forti. Un’altra prova interessante a sostegno di questa ipotesi è l’immagine sotto che mostra due fotografie di tessuto osseo microscopici,  prelevati dal cranio di Akhenaton e  da un’altra mummia della stessa età.

alieni ibridi egiziani489

Il tessuto osseo è sostanzialmente più denso e fondamentalmente diverso su scala microscopica. Questo aumento della resistenza del cranio potrebbe essere un indicatore di maggiore sviluppo cerebrale? Fleischmann ha dichiarato: “Non ho idea dell’importanza dei nostri risultati e il loro significato, ma io certamente penso che stanno andando in una direzione che la comunità scientifica avrebbe immediatamente respinto in questa occasione alcuni decenni fa. “Gli alieni sono stati attivamente coinvolti nella vita degli antichi egizi?

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

riferimenti: fonte

 

 

 

 

 

SHARE
RELATED POSTS
Viterbo: avvistati UFO nei cieli di Bagnaia – il video
I misteri e le leggende di Mount Shasta, la montagna magica!
Stazione Spaziale Internazionale: fotografato UFO durante passeggiata nello spazio!

Comments are closed.