Minacce dallo Spazio

Un Asteroide comparso dal nulla sfiora la Terra. Nessun preavviso di allarme da parte della NASA

Secondo il NEODyS (NASA), progetto di monitoraggio delle orbite degli asteroidi che possono passare vicino al nostro pianeta, non ci sarebbero allarmi di possibili “incontri ravvicinati” con asteroidi o meteore tra i mesi di Agosto e Settembre 2016.

Secondo questa agenzia, satellite della NASA, sono solo bufale quelle che vengono raccontate dai blog apocalittici, special modo per quanto riguarda la minaccia potenziale rappresentata dagli oggetti che attraversano le orbite dei pianeti del Sistema Solare – e in particolare della Terra. Ovvio che la stessa NASA ha sempre dichiarato che tale minaccia, non è da sottovalutare, tant’è che molti scienziati e ingegneri impegnati nei numerosi programmi spaziali in corso, spesso mettono in primo piano la necessità di intensificare i programmi di sorveglianza dello Spazio attorno a noi, anche a scapito delle più suggestive missioni verso Marte o verso la Luna.

misiles-balisticos-asteroide-apofis

Domenica 28 Agosto 2016, nessun scienzaito si sarebbe mai aspettato, che un Asteroide sfiorasse la Terra. Proprio così. Solo 85 mila km, il 20% della distanza Terra-Luna. Stavolta la roccia spaziale, un piccolo asteroide di 30 metri di diametro, ci ha “sfiorati” davvero. Il suo nome in codice è 2016Q2A e ci è venuto a trovare più esattamente, nella notte tra sabato 27 e domenica 28 Agosto 2016.

Si tratta di un oggetto di 30 metri ma, seppur piccolo, muovendosi a velocità di alcuni chilometri al secondo, in caso di impatto, avrebbe potuto provocare un impatto devastante sulla superficie terrestre. Di lui non si aveva nessuna traccia, a scoprirlo è stato un osservatorio amatoriale del Brasile. Più precisamente dal telescopio SoNEAR, che controlla i nostri cieli proprio alla ricerca, identificazione e il tracciamento di piccoli asteroidi. Il momento del perigeo, ovvero il punto più vicino della sua orbita al nostro pianeta, c’è stato alle 3,24 ora italiana di domenica scorsa e, come detto, è stato molto ravvicinato, il più ravvicinato degli ultimi anni: solo 85 mila chilometri.
 

Risultati immagini per 2016Q2A asteroid
Questo episodio si potrebbe collegare all’allarme dato dai ricercatori dell’Università di Southampton (UK) quando sul quotidiano Mirror apparve la notizia che un asteroide era in viaggio verso la Terra e avrebbe causato una catastrofe nel mese di settembre 2016. Questo notizia sarebbe in relazione agli studi portati dagli universitari inglesi, grazie a uno strumento ideato per comprendere le conseguenze di un simile evento. Questa relazione dice: “basterebbe solo un piccolo macigno spaziale per spazzare via un Paese come l’Inghilterra, e se dovesse cadere in mare, lo tsunami creato potrebbe cancellare intere distese di costa“.

La NASA ovviamente veglierebbe su di noi (e si è visto come…) insieme a tutti gli astronomi che tengono costantemente la Terra sotto controllo, eppure avverte e conferma che, nel caso un corpo celeste grande 5 km di diametro impattasse con il suolo, si solleverebbe una imponente massa di polvere che porterebbe a una ‘mini’ nuova era glaciale; se invece impattasse sul mare, si avrebbe un’onda gigantesca che causerebbe milioni di morti.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
La NASA a caccia dell’Asteroide che potrebbe colpire la Terra
Scoperto nelle isole Falkland un enorme “cratere da impatto” da asteroide
Astronomi del Regno Unito individuano una nuova “minaccia dallo spazio”

Comments are closed.