Home Artificial Intelligence Tendenze tech che influenzano le relazioni

Tendenze tech che influenzano le relazioni

289
0

Siamo circondati dalla tecnologia e sempre più immersi in un mondo ibrido tra il virtuale e reale. È del tutto naturale che, nella modernità, anche le relazioni umane risentano dei nuovi meccanismi. Per questo sociologi, psicologi, ma soprattutto imprenditori e sviluppatori si chiedono continuamente come reagire alle nuove sfide migliorando e rendendo più complessi i rapporti tra le persone.

Gli esperti hanno condiviso le nuove tendenze tecnologiche che influenzano la comunicazione umana nelle relazioni e possono aiutare uomo cerca uomo enna.

Programmi di matchmaking

I programmi di matchmaking (creazione automatica di match o affinità in base a determinati algoritmi) sono la rivoluzione che ha portato alla nascita dei primi portali di incontri e che costituisce ancor oggi il lato vincente del loro meccanismo. Il primo esperimento di matchmaking computerizzato applicato alle relazioni risale agli anni ’60, quando un gruppo di universitari americani utilizzò per la prima volta un computer dell’epoca per cercare le coppie ideali tra i loro compagni di studi. Il meccanismo, in realtà, è piuttosto semplice ed è lo stesso che utilizzavano decenni fa le agenzie matrimoniali. Si registrano alcuni dati su una persona, come carattere, passioni, desideri, età o altro, e incrociandoli con quelli della massa di altri individui si va in cerca della somiglianza. Niente di fantascientifico, insomma, eppure questo sistema è così efficace che i programmi di matchmaking sono utilizzati anche nell’ambito delle risorse umane per selezionare i candidati più adatti.

Si sa che per creare l’amore non basta un algoritmo vincente, e non possiamo pensare che un matchmaking per quanto raffinato basti a scovare connessioni profonde. Di fatto però questi algoritmi, che hanno contribuito al successo del dating online, portano alla formazione di coppie molto più omogenee, e quindi potenzialmente più solide e felici, rispetto al passato.

Rappresentazione digitale di sé

In un mondo dominato dalla tecnologia, la realtà virtuale sconfina sempre più nel reale attraverso i social network, andando a costituire una parte integrante della nostra socialità. Come in qualsiasi gruppo sociale da tempo immemore, ogni uomo o donna costruisce una propria identità, o rappresentazione del sé, utile a farsi accettare dalla propria comunità. Come nell’ottocento ci si costruiva la facciata del “buon borghese”, oggi la propria identità si crea in due modi: vivendo la vita reale, ma anche costruendo una rappresentazione digitale di sé; e non è detto che le due cose coincidano, anzi, quasi mai è così. Il sé digitale ha però una doppia faccia: può andare a compensare le carenze individuali, aumentando l’autostima e insegnando nuovi modi di coltivare la propria naturale attrattività, oppure può essere vissuto come maschera costringendo le persone più insicure a ritirarsi sempre di più dentro se stesse. Per non parlare di possibili risvolti legati all’inganno o addirittura al plagio, pratiche distruttive e malate all’interno del mondo delle relazioni.

Varietà di piattaforme per coach di incontri.

Non solo contatti, ma anche formazione e consigli, scandaglio di sé e miglioramento globale dell’assertività: internet offre non soltanto possibilità di costruire relazioni ma anche di riflettere sulle stesse, ad esempio chiedendo consigli ai migliori esperti. Mentre le riviste online si moltiplicano offrendo un’informazione sempre più interattiva, mentre le attività di psicologi e coach evolvono sempre di più verso la pratica online e le consulenze in videocall, anche le piattaforme di incontri si adeguano offrendo servizi aggiuntivi su questa linea. Insomma: la tecnologia non consente solo di tracciare contatti ma anche di attivare riflessioni più stratificate, che potrebbero potenzialmente portare a rapporti amorosi e professionali più sani rispetto al passato.

Intelligenza artificiale e realtà virtuale

Sempre più piattaforme di incontri stanno studiando le possibilità offerte dalla Virtual Reality per migliorare significativamente gli appuntamenti online. In una realtà come la nostra, dominata non solo dal distanziamento sociale dovuto alla pandemia ma anche marcata in modo decisivo dalle relazioni a distanza, poter offrire alle coppie momenti di incontro sempre più realistici e migliorativi rispetto alle videochiamate offrirà un decisivo passo avanti.

La VR consentirà di offrire nuove emozioni e una sensazione quasi tattile di realtà, anche in assenza. Questo sarà sicuramente un traguardo non solo per gli appuntamenti ma anche per il sexting, ovvero le pratiche sessuali online che si pongono come completamento o sostituzione dei rapporti carnali.

Device moderni che ci aiutano a rimanere sempre collegati

Lo smartphone è il principe dei devices mobili, ma pensiamo anche ad altri oggetti come tablet e smartwatch. La possibilità (diremmo quasi la necessità) di mantenerci in collegamento continuo con le persone che amiamo e non possono esserci sempre accanto sta producendo un dilagare di dispositivi che tracciano infinite e continue connessioni: ciò cambia il modo in cui ci rapportiamo agli altri, creando nuove pratiche e nuove etiche. Con anche i suoi rischi, naturalmente, tra i quali citiamo un problema diffusissimo come la dipendenza tecnologica.