Home Computer del Futuro TECNOLOGIE E AVATAR VIRTUALI: previsto il Teletrasporto entro il 2030!!

TECNOLOGIE E AVATAR VIRTUALI: previsto il Teletrasporto entro il 2030!!

2151
0

Il co-fondatore e capo di Facebook Mark Zuckerberg ha affermato di vedere un enorme potenziale nello sviluppo di tecnologie virtuali (VR) e di realtà aumentata (AR). Crede che entro il 2030, le persone saranno in grado di “teletrasportarsi” in altri luoghi utilizzando occhiali intelligenti con supporto VR e incontrarsi a distanza con l’effetto di presenza più realistico.

Mark Zuckerberg ha annunciato in un’intervista podcast per  The Informatio, la sua visione del prossimo futuro riguardante lo sviluppo delle tecnologie digitali.

“Prima di tutto, siamo un’azienda sociale. Ci sforziamo di fare cose che aiutino le persone a comunicare in vari modi, dai messaggi di testo personali ai video e alle foto che puoi pubblicare. Il Santo Graal della comunicazione sociale è la capacità di sentire come se stessi comunicando personalmente con un’altra persona. Nessuna delle tecnologie disponibili oggi ci avvicina a questo, che si tratti di telefoni, computer, TV o persino chat video. Ora disponiamo di tecnologie che ci consentono di comunicare e che, con vari gradi di accuratezza, ci aiutano a vedere cosa sta facendo l’altra persona. Ma c’è qualcos’altro, completamente magico, che dà una sensazione di presenza personale, la sensazione di essere direttamente con un’altra persona – tutto questo si sta già spostando a livello psicologico”.

Mark Zuckerberg considera la realtà virtuale una realtà aumentata di tali tecnologie, supponendo che nel prossimo futuro contribuiranno a rivoluzionare la comunicazione sociale. Crede che entro il 2030, le persone potranno utilizzare occhiali intelligenti con tecnologie VR e AR per “teletrasportare” (chi li indossa) in altri luoghi, ad esempio, nelle case di amici e conoscenti o in edifici pubblici, la presenza virtuale dell’utente in tali occhiali sarà così realistico.

Il capo di FB ritiene che la realtà virtuale darà a una persona l’opportunità, di sentire la sua presenza fisica in un altro luogo, facendo incontri faccia a faccia tra loro a distanza – che ora non possono essere forniti di tali dispositivi VR come ad esempio i caschi VR. Tali tecnologie possono portare al fatto che le persone iniziano a muoversi meno, ad esempio, durante i viaggi di lavoro. E ridurre tali viaggi, secondo il signor Zuckerberg, può aiutare a preservare il clima.

Naturalmente, le persone continueranno a usare auto, aeroplani e tutto il resto. Ma più possiamo sviluppare questo tipo di teletrasporto (con l’aiuto di VR e AR), meglio sarà non solo per la società, ma anche per il pianeta nel suo insieme “, dichiara il capo di FB.
Tutto questo porterà ad alcune cose assolutamente sorprendenti, molto più impressionanti della semplice chiamata di qualcuno o di una chat video. Puoi semplicemente schioccare le dita, teletrasportarti – e ora sei già seduto in un altro posto, si sono sistemati sul divano e sembra a tutti che tu sia davvero vicino l’uno all’altro “, riflette Zuckerberg.
Un altro vantaggio di tale “teletrasporto”, Mark Zuckerberg richiama la possibilità di espandere la modalità di lavoro a distanza per i dipendenti dell’azienda, che ridurrà notevolmente i tempi e i costi di spostamento sul luogo di lavoro, perché sarà possibile “solo teletrasportarsi al lavoro . ” 

Abbiamo parlato a lungo del cambiamento climatico prima che diventasse davvero molto importante. In futuro, le persone potrebbero voler spostarsi meno nello spazio o farlo in modo più efficiente, eliminando i viaggi con i trasporti pubblici o suburbani “, ha aggiunto Mark Zuckerberg.
Un altro momento importante nello sviluppo della realtà virtuale per la comunicazione, Zuckerberg considera la creazione dei cosiddetti avatar umani virtuali, un’immagine digitale 3D di una persona.

Con lo sviluppo delle tecnologie virtuali e delle relative apparecchiature, gli avatar virtuali possono fare un vero passo avanti nella comunicazione umana. 

Una delle cose che mi ispira molto sono le tecnologie che consentono di catturare e tracciare non solo le espressioni facciali, ma anche i movimenti degli occhi. I sensori avanzati possono fornire avatar estremamente realistici con cui è possibile comunicare tra loro, – ha detto il capo di Facebook, che nel 2014 ha acquistato il produttore di caschi per realtà virtuale Oculus per 2,3 miliardi di dollari. – Soprattutto ora siamo impegnati su come impacchettare più sensori nei dispositivi VR, in modo che una persona abbia quante più opportunità possibili per provare l’esperienza della comunicazione diretta “.

Redazione Segnidalcielo