In Primo Piano Medicina

Simulazione scientifica della propagazione di una epidemia globale

Alcuni ricercatori statunitensi hanno realizzato un video che mostra la simulazione della diffusione di malattie in tutto il mondo. La minaccia di una pandemia globale rimane una delle minacce più gravi per il futuro della razza umana.

Il Fisico teorico Dirk Brockmann e colleghi della  Northwestern Institute on Complex Systems, che si trova nello stato americano dell’Illinois,  hanno sviluppato un nuovo modello per prevedere la velocità con cui una pandemia potrebbe diffondersi in tutto il pianeta. Dopo alcune indagini, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Science, gli scienziati hanno usato i dati del focolaio di sindrome respiratoria acuta grave, o SARS, nel 2003 e la pandemia H1N1 nel 2009 e ha scoperto che il virus si diffuse in forma di onde concentriche.

 

Se la malattia in precedenza propagata tra le persone che viaggiano a piedi o a cavallo, ora le epidemie si diffondono attraverso una complessa rete di voli internazionali. “Nel mondo moderno che è così interconnesso, la distanza geografica convenzionale non è così significativa“, ha detto Brockmann. Attraverso la ‘rete di mobilità globale’ che ha prodotto il team di ricerca con i dati di compagnie aeree internazionali per gli ultimi tre anni, nel video si può vedere come una malattia ‘lanciata’ in città potrebbe diffondersi al resto del mondo. 

Il video mostra la simulazione di una pandemia di Atlanta, USA. Le “fonti” della malattia sono state localizzate a Città del Messico, Chicago e Londra. Questo modello, che si basa sul concetto chiamato dagli scienziati “distanza effettiva” potrebbe essere utilizzato per aiutare a combattere la diffusione di eventuali epidemie in futuro.

Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
Nanoparticelle in Oro, surriscaldate con infrarossi, uccidono il cancro
Stiamo entrando in un’era di grande purificazione, che vedrà il ritorno dei Popoli Stellari
Scienziati: gli antibiotici provocano la comparsa di batteri pericolosi

Comments are closed.