Allerta Globale Terremoti Vulcani

Serie di eventi Catastrofici lungo l’Anello di Fuoco indicano un evento potenzialmente importante nel prossimo futuro

I miliardari del mondo stanno spendendo un sacco di soldi sui preparativi per la fine del mondo e questo ormai è certo. Tenuto conto di recenti eventi catastrofici tra cui gli uragani atlantici devastanti, gravi terremoti in Messico e incendi apocalittici negli Stati Uniti occidentali, sarebbe una questione di prudenza fondamentale per la persona comune considerare l’introduzione di almeno le disposizioni fondamentali per prevenire un disastro naturale.

Risultati immagini per zona subduzione di cascadia

La Terra è un organismo vivente

E adesso tutti gli occhi sono puntati sull’anello di fuoco del Pacifico (Ring of Fire), poiché una crescente lista di eruzioni vulcaniche e tremori tettonici sta indicando un evento potenzialmente importante nel prossimo futuro.

L’anello di fuoco è un cerchio massiccio di vulcani lungo il perimetro del bacino dell’oceano Pacifico. Costituita da 452 vulcani, l’anello di fuoco segnala i bordi di una zona tettonica dove il pavimento dell’oceano Pacifico sorge per formare il bordo occidentale del Nord e del Sud America e le isole lungo il bordo orientale dell’Asia e dell’Australia. Si estende per circa 25.000 miglia in distanza ed è la fonte primaria del mondo dei terremoti e dell’attività vulcanica.

Risultati immagini per Monte Agung, eruption

Vulcano Monte Agung

Tutta la popolazione di Ambae ad esempio, viene spostata (migrazione di circa 12 mila persone) dal sentiero del vulcano Manaro sempre più attivo e che minaccia di esplodere da un momento all’altro. Sull’isola indonesiana di Bali, più di 144.000 persone sono state portate in rifugi, poiché le autorità avvertono che il Monte Agung potrebbe eruttare in qualsiasi momento .
In America del sud, due grandi terremoti in Messico hanno causato danni diffusi a seguito dall’aumento dell’attività vulcanica del Popocatepetl. Negli ultimi giorni altri vulcani in Costa Rica, Guatemala, Vanuatu, Giappone, Indonesia sono diventati attivi.

Nightly eruption at Popocatepetl volcano on October 1 2017, enhanced volcanic activity popocatepetl volcano september 2017, , eruption popocatepetl volcano september 30 2017, enhanced volcanic activity popocatepetl volcano, popo eruption, popocatepetl volcano erupts september 30 2017

Eruzione del vulcano Popocatepetl (Messico)

Gli esperti stanno sottolineando che per dieci anni la pressione del magma sta crescendo lungo la colpa di San Andreas. Nel  parco di Yellowstone sono state registrate più di 2300 scosse e in Idaho sono stati rilevati sciami di terremoti , causando gravi preoccupazioni per la possibilità dell’eruzione del Supervulcano Yellowstone.

Zona sismica di Cascadia

Particolare nota negli eventi recenti è l’attività lungo la pericolosa zona di subduzione di Cascadia, che potrebbe produrre un mega-terremoto di magnitudo superiore a 9 lungo la costa dello Stato di Washington, Oregon e Colombia britannica. La grandezza di un terremoto è proporzionale alla lunghezza della rottura lungo la faglia. La zona di subduzione di Cascadia, che costituisce il confine tra le piastre Juan de Fuca e quelle nordamericane, è una zona (o linea) che si estende dall’isola di Vancouver a nord della California.

Cascadia Subduction Zone, Cascadia Subduction Mappa della zona, Cascadia Subduction Zone plates

Un terremoto lungo questa linea di faglie sarebbe catastrofico per le regioni fortemente popolate del Pacifico nord-occidentale. Gli scienziati hanno scoperto che i grandi terremoti accadono in questa zona con una media di ogni 240 anni. L’ultimo terremoto nella regione di Cascadia è stato 315 anni fa … Quindi un grande terremoto potrebbe essere imminente! È difficile sapere se gli attuali disordini sismici e vulcanici lungo l’Anello di Fuoco avranno un impatto su questa zona.

A cura della Redazione Segnidalcielo



SHARE
RELATED POSTS
Scienziati in allarme per il Supervulcano Monte Paektu. Potrebbe esplodere da un momento all’altro!
NASA, un Deflettore Magnetico per evitare potenziali impatti economici dovuti a una “Tempesta Solare”
L’Asteroide 2018 GE3 “sfiora” la Terra e sorprende la NASA. Nessuno lo aveva visto!

Comments are closed.