Archeologia Misteriosa paranormale UFO

Scienziati studiano i fenomeni luminosi e sonori nei dolmen di Adygea

Antichi megaliti dell’età del bronzo vengono attratti dal loro mistero da molte generazioni di questa umanità. Questi misteriosi monumenti di archeologia, la cui età viene confrontata con l’età delle piramidi egizie, è oggi in gran parte nascosta agli occhi dei turisti. In Adygea ci sono solo un paio di dolmen conservati, altri sono stati distrutti dal tempo, oppure dai vandali e si trovano sotto il suolo. In quasi tutti questi dolmen, scienziati hanno registrato misteriose attività paranormali. Nelle vicinanze di uno di questi, se ben vi ricordate, erano stati scoperti alcuni anni fa, una misteriosa valigetta con due teschi.

Risultati immagini per il dolmen Adygea

I due teschi non sarebbero umani, ma appartenenti a creature sconosciute, non ancora identificate dagli scienziati russi, che avevano ritrovato, come detto sopra, forti correlazioni con l’emblema della Ahnenerbe nazista (visibile sulla valigetta). Probabilmente questa valigetta poteva appartenere alla società più segreta all’interno delle SS, che si dedicava allo studio delle forze occulte e soprannaturali.

Ma ben pochi sanno che i dolmen caucasici rimangono sotto i riflettori del mondo dell’archeologia preistorica e misteriosa. Secondo gli archeologi, i dolmen del Caucaso risalirebbero ad un periodo arcaico collocabile tra i 4 mila e i 6 mila anni fa, ma alcuni ricercatori sono convinti che siano ancora più antichi, facendo risalire la loro costruzione tra i 10 mila e i 25 mila anni fa. Ci sono molte ipotesi e teorie circa l’origine dei dolmen e le loro funzioni. Alcuni credono che i dolmen possiedono una certa quantità di energia, e potevano essere, secondo la leggenda, la casa di una razza umanoide “nana”. Infatti nell’antica terra dei circassi e dei giganti, c’erano nani con le slitte, che godevano della protezione dei dolmen. Alcuni ricercatori sono convinti che i Dolmen venivano utilizzati come “portali” o Stargate per altre dimensioni.

Risultati immagini per il dolmen Adygea

A questo proposito, ci sono studi interessanti effettuati dal professore associato (in scienze fisico-matematiche) dell’Università Federale del sud Dr. Sergey Anatolyevich Gerasimov, che ha intrapreso una serie di spedizioni, studiando i dolmen nel villaggio di Guzeripl con l’ausilio di strumenti sensibili e moderni. Gerasimov durante le sue ricerche con gli strumenti, ha rilevato la presenza di oggetti neri che hanno cominciato a volare sopra il dolmen di Guzeripl (dolmen di Adygea) prima che piovesse. E vicino il dolmen è stata registrata una essenza luminosa che è volata fuori dal buco accanto al dolmen. Anche il capo del team di studio del dolmen di Adygea, Igor Ogay della Società Geografica Russa, ha confermato le anomalie registrate da Gerasimov.

Gerasimov è riuscito ad immortalare misterios epresenze accanto ai dolmen della regione di Adygea

La ricerca ha dimostrato che, se i megaliti sono costruiti con pietre di quarzo, dovrebbero funzionare come un elemento piezoelettrico. Inoltre, quando vi è uno stress meccanico è una forte polarizzazione del minerale piezoelettrico, questo viene accompagnato dalla comparsa di un forte campo elettrico. L’ultimo studio condotto lo scorso capodanno dallo scienziato Sergey Anatolyevich Gerasimov, grazie all’utilizzo di strumenti sofisticati, è riuscito a trovare una frequenza che può attivare dei segnali luce e emissioni sonore.

Risultati immagini per Sergey Anatolyevich Gerasimov, dolmen adygea

Tutti gli scienziati sono unanimi nel ritenere che i dolmen sono strutture uniche al mondo, ma nessuno sa il perchè sono stati costruiti.  “Scienziati, hanno bisogno non solo di studiare, ma anche di fare ogni sforzo per preservare questo patrimonio inestimabile, – ha detto Igor Ogay.

a cura della Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Un Pilota della CIA confessa: “Siamo in possesso di Navi Spaziali con Tecnologia Aliena. Ci sono Colonie Umane sulla Luna e su Marte”
Messico, UFO e misteriosi “lampi di luce” vengono avvistati sul Vulcano Popocatepetl
Russia, il KGB avrebbe nascosto documenti relativi al “Primo Contatto” con ambasciatori Extraterrestri

Comments are closed.