Home Cambiamenti Climatici Scienziati registrano “misterioso suono” proveniente dai Caraibi. Questo fenomeno potrebbe influenzare il...

Scienziati registrano “misterioso suono” proveniente dai Caraibi. Questo fenomeno potrebbe influenzare il futuro dei cambiamenti climatici

17
0

Un misterioso suono proveniente dal bacino del Mar dei Caraibi, è stato registrato da ricercatori provenienti dal Regno Unito. Questo fenomeno, a loro avviso, potrebbe influenzare il futuro dei cambiamenti climatici.

Il team di scienziati inglesi dell’Università di Liverpool, mentre svolgevano ricerche sulle osservazioni delle dinamiche oceaniche, hanno cominciato a notare delle stranissime variazioni di echi sonori nella zona centrale del Mar dei Caraibi.

Lo strano rumore, era così forte che è stato registrato anche dai satelliti che si trovano nello spazio. In precedenza, sono stati osservati dai ricercatori, fenomeni simili a questo, ma questo Strange Souand registrato nei Caraibi, sta a significare qualcosa di grosso in un posto molto importante nella zona di circolazione globale, dove si formano flussi che alimentano la Corrente del Golfo.

La tempesta tropicale Karl Rende Landfall

La Corrente del Golfo, che parte dal Mar dei Caraibi e arriva fino alle coste della Norvegia, trasporta una enorme quantità di calore, per intenderci, qualche migliaio di volte quello prodotto artificialmente, tramite i riscaldamenti domestici, in una nazione quale potrebbe essere la Gran Bretagna.

Il “motore” che spinge l’acqua dell’oceano a muoversi dal golfo dei Caraibi fino alla Groenlandia si trova soprattutto al nord, nella linea di confine tra il mare ed il fronte dei ghiacci artici. Durante il suo percorso questa massa di acqua calda, che viaggia in superficie, evapora e diventa sempre più salata finché, arrivata in Scandinavia, incontra un’acqua più fredda e dolce.
L’acqua salata, essendo più pesante dell’acqua circostante precipita verso il fondo del mare, che nella zona tra la Groenlandia e la Norvegia è molto profondo. In questo modo si innesca una corrente discendente che provoca un forte richiamo di altra acqua superficiale, formando una “pompa” perenne di enorme potenza.

Sul piano orizzontale, si ha quindi una fascia piuttosto ristretta in cui la corrente si ferma, mentre l’acqua salata si inabissa cominciando, in profondità, il viaggio di ritorno verso i tropici.
Il riscaldamento globale dell’atmosfera sposterà il fronte dei ghiacciai polari verso Nord. Di conseguenza, la fascia dove avviene il rimescolamento dell’acqua calda e fortemente salata della Corrente del Golfo, che scorre in superficie, con quella, quasi dolce, dei mari del nord, avverrà lontano dai tratti di mare profondi tra la Groenlandia e la Norvegia. La corrente verticale discendente si formerà quindi dove l’oceano è meno profondo e questo fatto determinerà una sostanziale riduzione della forza della “pompa salina” . Ciò potrà provocare una forte riduzione della portata d’acqua della Corrente del Golfo o addirittura la sua scomparsa.

Gli scienziati stanno studiando proprio questa parte del globo per prevedere i futuri scenari sul cambiamento climatico,  analizzando appunto, i flussi di acqua calda e fredda del pianeta. Mentre operavano in merito a quanto detto, il team di ricercatori ha cominciato ad un tratto ad ascoltare il misterioso suono. “Questo fenomeno è descritto da noi come un fischio, rinominato “Il fischio di Rossby”, che può cambiare il livello del mare nel range di 10 centimetri lungo le coste del Venezuela e della Colombia.” – ha dichiarato uno degli scienziati. Il team spera anche che lo Strange Sound, possa aiutare a prevedere la probabilità di inondazioni costiere.

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

riferimenti: link