Home Anomalie Spaziali Scienziati hanno scoperto “Frammenti di un Altro Mondo” all’interno della Terra

Scienziati hanno scoperto “Frammenti di un Altro Mondo” all’interno della Terra

3989
0

Misteriosi frammenti che galleggiano nel mantello del nostro pianeta, potrebbero essere i resti del mantello dell’antico pianeta Theia, una collisione con la quale ha portato all’apparizione della Luna.

Questi frammenti – secondo la rivista scientifica  Science Alert – sono una delle strutture più grandi e strane sulla Terra: enormi e misteriosi grumi di roccia densa, nascosti in profondità nelle parti più basse del mantello del nostro pianeta.

Le due masse giganti includono le cosiddette grandi aree con basse velocità di taglio (LLSVP), una delle quali è stata sepolta sotto l’Africa e l’altra sotto l’Oceano Pacifico.Queste anomalie sono così enormi che danno luogo alle loro stesse deviazioni. Ad esempio, un fenomeno così grande come l’anomalia del Sud Atlantico, che attualmente indebolisce il campo magnetico terrestre. Per quanto riguarda come e perché gli LLSVP abbiano avuto origine nel mantello in questo modo, gli esperti hanno molte idee, ma poche prove concrete.

Questi frammenti giganti esistono da molto tempo e molti scienziati ritengono che possano aver fatto parte della Terra prima del gigantesco impatto della Luna, le antiche tracce della collisione della Terra con l’ipotetico pianeta Theia.

Secondo questa ipotesi, Theia, delle dimensioni di Marte, si è scontrata con la Terra circa 4,5 miliardi di anni fa, e un enorme pezzo di Theia e / o forse della Terra si è staccata ed è diventata la Luna che conosciamo oggi. Per quanto riguarda il resto di Theia, gli scienziati non sanno cosa le sia successo. È stato distrutto o è semplicemente volato nello spazio? Sconosciuto.

Alcuni ricercatori hanno suggerito che i nuclei di questi due pianeti primari si potrebbero essere fusi in uno solo e che gli scambi chimici causati da questa fusione epica hanno permesso alla vita stessa di prosperare in questo mondo appena creato.

Secondo una nuova simulazione condotta dai ricercatori dell’Università dell’Arizona (ASU), gli LLSVP potrebbero essere frammenti antichi del mantello Theia denso e ricco di ferro. Si è tuffata in profondità nel mantello terrestre quando i due mondi si sono fusi ed è stata sepolta lì per un miliardo di anni.

Il modello dell’impatto lunare è uno dei più studiati, ma le prove dirette dell’esistenza della Theia rimangono poco chiare. Il mantello di Theia può essere più denso di diverse percentuali del mantello terrestre. Ciò consente ai materiali del mantello di Theia di affondare nella parte più bassa degli ammassi termochimici del mantello terrestre che possono causare LLSVP “, spiegano i ricercatori , guidati dal sismologo Qian Yuan dell’Arizona State University.”

Sebbene ci siano stati suggerimenti per molti anni che gli LLSVP possano essere una “sorpresa” aliena data da Theia, il nuovo studio fornisce la spiegazione più formulata.

Tuttavia, l’origine di LLSVP non è limitata solo a Theia: l’antichità della Terra può in generale essere un cimitero planetario.  Gli scienziati hanno recentemente scoperto diverse piccole sacche di roccia ultra dense nelle profondità del mantello che non corrispondono del tutto al materiale circostante. 

Jennifer Jenkins, una sismologa dell’Università di Durham, ha suggerito che queste rocce sono resti di altri mondi extraterrestri. Se la teoria di Jenkins è corretta, Theia potrebbe non essere l’unico mondo alieno sepolto sottoterra. Il giovane sistema solare era estremamente caotico. I detriti hanno continuato a schiantarsi sui pianeti in crescita, mentre corpi celesti più grandi chiamati planetesimi occasionalmente hanno distrutto i mondi nascenti. 

Pertanto, la Terra primordiale è stata probabilmente vittima di numerose collisioni catastrofiche e molti degli oggetti che si sono scontrati con essa sono attualmente sepolti nel suo mantello.

Redazione Segnidalcielo