Earth Changes

Scienziati dimostrano la relazione tra la Risonanza Schumann e bioritmi cerebrali

Un recente studio presentato da un gruppo disciplinare di scienziati bulgari e ucraini, ha permesso di scoprire la relazione tra le oscillazioni di risonanza della Terra e bioritmi del cervello umano.

Lo studio è stato inviato per la pubblicazione ad agosto 2012 da un team scientifico multidisciplinare composto da VD Rusov, KA Lukin, TN Zelentsova, EP Linnik, ME Beglaryan, VP Smolyar, M. Filippov e B. Vachev ed è stato sviluppato attraverso una collaborazione interdisciplinare del Dipartimento di Fisica Nucleare,  Politecnico Nazionale di Odessa sulla Fisica teorica e sperimentale (Ucraina), l’Istituto di Radiophysique ed Elettronica (NASU) Istituto ucraino e bulgaro per la ricerca nucleare e Energia nucleare a Sofia.

Come abbiamo appreso e letto nell’Introduzione dell’interessante studio, l’analisi del lavoro di ricerca precedente condotta dal team del Premio Nobel Luc Montagnier nelle sue tre precedenti inchieste e ricerche in cui ci si domandava quale era l’impostazione del rapporto tra il DNA e la Risonanza Schumann nelle frequenze di 7.83 Hz.

Nello studio di Montagnier ed il suo gruppo il gap di frequenze su cui si operava aveva un rapporto inferiore a 7 ​​Hz della gamma di onde ULF che influenzavano la sequenza del DNA dei batteri. Su questa base Rusov, Lukin e la sua squadra hanno potuto mostrare la stessa analisi di processo per comprendere i processi logici di queste onde e il loro effetto sui bioritmi del cervello umano.

La ragione ha a che fare con la coincidenza dei bioritmi cerebrali denominato nella fascia dello spettro delle onde delta e theta e la loro relazione con le bande di frequenza della ionosfera (da 0,1 a 10 Hz).

Anche se lo studio di un approccio ai cambiamenti dei bioritmi cerebrali e l’incidenza complessiva tra Schumann e alcune variazioni di diversa serie storica di dati corrispondenti ad aumenti e diminuzioni di malattie virali, tumori, disturbi diversi biofisici, ectc etc.,  pone le basi per ulteriori studi più avanzati che permetterà di analizzare nel dettaglio,  la relazione tra tempeste solari e le radiazioni cosmiche, ed eventuali modifiche ionosferiche, per non parlare dell’attività geomagnetica e bioritmi cerebrali e i loro possibili effetti sul DNA.

I dati sequenziati che sono disponibili, mostrano diverse tendenze dirette e inverse,  per quanto riguarda la presenza, aumento o la diminuzione di alcune malattie, a seconda dello stato della ionosfera e della serie di attività geomagnetiche su un periodo analizzato in un arco storico di 100 anni.

Inoltre, lo studio distingue tra i diversi modi in cui questa interazione si verifica a seconda dell’attivitò magneto-biológica di diversi tipi di assorbimento cellulare.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Gli Stati Uniti si preparano per una “Collisione di Asteroidi” con la Terra
Il riscaldamento globale distruggerà il 20% in più di permafrost rispetto a quanto ipotizzato
Indonesia: Tornado di cenere piroplastica sul vulcano Sinabung

Comments are closed.