Home Medicina Scienziati americani confermano: OSSIDO DI GRAFENE tossico nelle iniezioni del siero anti-Covid19

Scienziati americani confermano: OSSIDO DI GRAFENE tossico nelle iniezioni del siero anti-Covid19

14683
0

È un diritto umano e una legge globale disciplinata dal Codice di Norimberga che le informazioni sugli ingredienti specifici del vaccino siano divulgate. Si tratta di informazioni critiche, richieste e necessarie affinché chiunque, da qualsiasi paese del mondo, possa prendere una decisione informata se acconsentire o meno all’intervento medico. 

Poiché l’elenco completo degli ingredienti dei “vaccini” Covid non è stato reso disponibile, il Dr. Robert Young e il suo team hanno condotto una ricerca per identificare gli ingredienti specifici nelle iniezioni Covid di Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson. Il 20 agosto hanno pubblicato i loro risultati.

Il Dr. Young è un biochimico, microbiologo e nutrizionista clinico. Lui e il suo team di scienziati hanno confermato ciò che i ricercatori di La Quinta Columna hanno scoperto – contenuto nanometallico tossico magneticotossico, citotossico e genotossico per piante, insetti, uccelli, animali e umani – tutta la vita sul pianeta. Uno dei “vaccini” conteneva persino parassiti potenzialmente letali. Presi insieme, i componenti “vaccini” – che includono l’ossido di grafene tra molti altri e che possono essere influenzati da fonti di radiazioni esterne a noi – creano una zuppa chimica tossica e radiativa all’interno dei nostri corpi . Chiunque abbia un’iniezione di Covid sta seriamente mettendo a rischio la propria vita.

In precedenza abbiamo trattato alcune delle ricerche di La Quinta Columna in due articoli: i ricercatori spagnoli hanno scoperto che i vaccini Covid-19 contengono livelli TOSSICI di ossido di grafene ; e, La vera pandemia – Covid-19 o ossido di grafene? Nano-materiale velenoso trovato nei vaccini Covid e nelle maschere per il viso . Per ulteriori risorse visita Orwell City , un sito web che traduce, trascrive e aggiunge sottotitoli in inglese a una buona parte dei materiali di La Quinta Columna .

I “vaccini” delle quattro principali aziende farmaceutiche sono stati analizzati dal Dr. Young: Pfizer/BioNTech (“Pfizer”); Moderna/Lonza mRNA-1273 (“Moderna”); Vaxzevria di AstraZeneca (“AstraZeneca”); e Janssen di Johnson & Johnson (“Janssen”).

I capsidi liposomiali sono capsule lipidiche grasse. Ci viene detto che il loro scopo è avvolgere l’mRNA per proteggere il materiale genetico dalla degradazione prima che abbia raggiunto il suo obiettivo: le cellule del nostro corpo. Tutti e quattro i “vaccini” Covid contengono livelli relativamente alti di ossido di grafene, ma sia i capsidi dei liposomi Pfizer che quelli di Moderna sono ossido di grafene al 100% (dopo aver estratto l’mRNA).

L’ossido di grafene è citotossico, genotossico e magneticotossico. L’immagine sotto mostra il capside liposomiale contenente ossido di grafene nel “vaccino” Pfizer. Il liposoma fornisce l’ossido di grafene a specifici organi, ghiandole e tessuti, vale a dire: ovaie e testicoli; midollo osseo; cuore; e, cervello.

I capsidi liposomiali sono capsule lipidiche grasse. Ci viene detto che il loro scopo è avvolgere l’mRNA per proteggere il materiale genetico dalla degradazione prima che abbia raggiunto il suo obiettivo: le cellule del nostro corpo. Tutti e quattro i “vaccini” Covid contengono livelli relativamente alti di ossido di grafene, ma sia i capsidi dei liposomi Pfizer che quelli di Moderna sono ossido di grafene al 100% (dopo aver estratto l’mRNA).

Nell’iniezione di Pfizer è stato trovato anche Trypanosoma cruzi , un parassita di cui diverse varianti sono letali ed è una delle tante cause della sindrome da immunodeficienza acquisita o dell’AIDS. Non è noto se questo fosse solo un ingrediente casuale o se fosse stato posizionato di proposito e sarà trovato in tutti i “vaccini” Pfizer.

Nell’iniezione di Pfizer è stato trovato anche Trypanosoma cruzi , un parassita di cui diverse varianti sono letali ed è una delle tante cause della sindrome da immunodeficienza acquisita o dell’AIDS

Nei “vaccini” di AstraZeneca, il dottor Young e il suo team hanno identificato istidina, saccarosio, polietilenglicole (“PEG”) e alcol etilico, che erano contenuti anche nelle iniezioni di Pfizer, Moderna e Janssen Covid. Il PEG era l’unico adiuvante dichiarato nella scheda tecnica che elencava gli ingredienti dell’iniezione di AstraZeneca.

L’iniezione di PEG e alcol etilico sono entrambi noti per essere cancerogeni e genotossici. Janssen contiene anche particelle composte di acciaio inossidabile che sono incollate insieme con una “colla a base di carbonio” di ossido di grafene ridotto.

Janssen contiene anche particelle composte di acciaio inossidabile che sono incollate insieme con una “colla a base di carbonio” di ossido di grafene ridotto.

Questo aggregato è altamente magnetico e può innescare la coagulazione del sangue patologica e l'”Effetto Corona” o “Effetto Spike Protein”. Il “vaccino” Moderna contiene anche molti corpi estranei sferici con alcune cavità a forma di bolla.

 Queste composizioni di nanoparticelle altamente tossiche sono punti quantici di seleniuro di cadmio che sono citotossici e genotossici. I punti quantici sono nanoparticelle di semiconduttori che brillano di un colore particolare dopo essere state illuminate dalla luce. Il colore che risplendono dipende dalla dimensione della nanoparticella. I punti neri nell’immagine qui sotto sono ossido di grafene. (foto sotto)

Conclude l’articolo del Dr. Young, queste iniezioni di Covid “NON sono vaccini ma farmaci nanotecnologici che funzionano come una terapia genetica… Tutti questi cosiddetti “vaccini” sono brevettati e quindi il loro contenuto effettivo è tenuto segreto anche agli acquirenti, che, ovviamente, utilizzano i soldi dei contribuenti. Quindi, i consumatori (contribuenti) non hanno informazioni su ciò che stanno ricevendo nei loro corpi per vaccinazione”.

Secondo il dottor Young, circa 500 milioni di persone in tutto il mondo sono già state ferite e potenzialmente 35 milioni sono morte a causa delle iniezioni di Covid. È probabile che questo aumenti nei prossimi mesi con le persone che hanno subito due iniezioni che hanno 13 volte più probabilità di essere ferite, ricoverate in ospedale o uccise dalla “variante Delta ” rispetto a quelle con immunità naturale. Ma cosa sta effettivamente causando le “varianti” del Covid e le future “onde”?

Il codice genetico per la proteina Spike nei “vaccini” è generato dal computer, è “creato dall’uomo” e può essere facilmente modificato. E, l’ossido di grafene nei tessuti del corpo – cervello, tessuto connettivo, potenzialmente nei muscoli – interagirà con le frequenze pulsanti all’interno della gamma 5G, ha affermato il dott. Young, questo sarà ciò che causerà la prossima “onda” prevista in ottobre.

Smetti di mettere veleno nel tuo corpo, ha detto il dottor Young, “questi inoculati [Covid] sono pericolosi perché i nanoparticelle possono passare attraverso la barriera emato-encefalica, possono passare attraverso la barriera aria-sangue. Ecco perché queste vaccinazioni sono così pericolose. È perché le particelle si rompono però: la barriera ematoencefalica, che è protetta; la barriera aria-sangue; e, la barriera ematica testicolare o ovarica. Il particolato va dritto dentro.” Avvelenare il corpo per guarire il corpo non ha senso: è una narrazione fallita.

 

L’articolo scientifico pubblicato dal Dr. Young, Scanning & Transmission Electron Microscopy Reveals Graphene Oxide in CoV-19 Vaccines , può essere letto seguendo questo LINK o nel documento pdf allegato:

Il documento è tecnico e quelli di noi che non hanno fatto carriera nel campo della scienza o della medicina potrebbero avere difficoltà a comprenderne tutte le implicazioni. Il Dr. Young ha discusso approfonditamente le sue scoperte durante un’intervista che puoi guardare QUI . A partire dall’ora, lavora metodicamente sui punti salienti del giornale. Quello che ha da dire è di enorme importanza per tutti noi. Sia che abbiamo avuto, stiamo considerando di fare o rifiutare un’iniezione di Covid, vale la pena prendersi del tempo per sentire cosa ha da dire.

Ulteriori letture:

Quali sono le cause della privazione di ossigeno del sangue (DIC) e quindi dei polmoni (SARS – CoV 2 e 12)?

La genesi della grave sindrome acuta respiratoria o SARS e virus corona o COVID – 19

Un team di scienziati conferma la presenza di tossine grafene, alluminio, seleniuro di cadmio, acciaio inossidabile, capsidi LNP-GO, parassiti e altre tossine variamente in 4 vaccini COVID: Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson
Perché dovrebbero mettere l’ossido di grafene nelle iniezioni di Covid? Alla fine di luglio un informatore Pfizer , Karen Kingston, ha confermato che c’è ossido di grafene non divulgato nelle iniezioni di Covid. Fornisce alcune informazioni sul motivo per cui si allinea con quello fornito dal Dr. Young. Puoi guardare l’intervista di Kingston QUI .

Il 26 agosto, il Giappone ha annunciato la sospensione dell’uso dei “vaccini” Moderna a causa di segnalazioni di contaminazione con “una sostanza che reagisce ai magneti… potrebbe essere metallo”.

In precedenza tutte le iniezioni di Covid avevano solo l’autorizzazione all’uso in emergenza ma il 23 agosto, per l’America, la FDA ha approvato il “vaccino” Pfizer. Mercoledì scorso, in una seconda intervista, Kingston ha discusso dell’impatto che questa approvazione ha avuto sulla divulgazione di TUTTI gli ingredienti, compresi quelli non divulgati in precedenza:

di Rhoda Wilson

giornalista del Dailyexpose.co.uk

tratto da: fonte