Esplorazione spaziale Scienze News Vita nel Cosmo

Scienziati affermano che ci sono almeno 36 Civiltà Extraterrestri contattabili nella nostra Galassia

Come riportato dal tabloid The Guardian, nuovi calcoli presentano stime relative a civiltà di altri mondi in grado di comunicare tra loro. Infatti secondo le ricerche e calcoli effettuati da astrofisici, oggi potrebbero esserci più di 30 civiltà intelligenti nella nostra galassia in grado di comunicare con altri pianeti.

Nel 1961, l’astronomo Frank Drake propose quella che divenne nota come  l’equazione di Drake , stabilendo sette fattori che avrebbero dovuto essere conosciuti per fornire una stima del numero di civiltà intelligenti “là fuori”. 

Questi fattori variavano tra il numero medio di stelle che si formano ogni anno nella galassia e il periodo di tempo in cui una civiltà avrebbe inviato segnali rilevabili. Ma alcuni dei fattori sono misurabili. 

“Le stime dell’equazione di Drake variavano da zero a qualche miliardo di civiltà. È più uno strumento per pensare alle domande che qualcosa che è stato veramente risolto “, ha affermato Christopher Conselice, professore di astrofisica all’Università di Nottingham e coautore della nuova ricerca.

Il Prof. Conselice e i suoi colleghi  riportano sull’Astrophysical Journal,  come hanno perfezionato l’equazione con nuovi dati e ipotesi per presentare le loro stime. Fondamentalmente, abbiamo ipotizzato che la vita intelligente si sarebbe formata su altri pianeti simili alla Terra come qui. In altre parole, in pochi miliardi di anni, la vita si formerebbe automaticamente come parte naturale dell’evoluzione ”, ha affermato l’astronomo.

Gli esperti affermano che il nuovo lavoro non offre solo spunti sulle possibilità della vita oltre la Terra, ma può anche far luce sul nostro futuro e cosi affacciarci nel cosmo. Penso che sia estremamente importante ed eccitante perché per la prima volta abbiamo davvero una stima del numero di civiltà intelligenti e attive in termini di comunicazione, con cui potremmo entrare in contatto e scoprire che c’è altra vita nell’universo” ,  ha detto lo scienziato.

Il Prof. Conselice ha aggiunto che, sebbene si tratti di una teoria speculativa, crede che la vita aliena avrebbe delle somiglianze con la vita sulla Terra, anche riguardo civilità più evolute della nostra.

Sotto il più stretto insieme di premesse, in cui, come sulla Terra, le forme di vita sarebbero apparse tra 4,5 e 5,5 miliardi di anni dopo la formazione delle sue stelle, ci sono probabilmente tra le quattro e le 211 civiltà nella Via Lattea oggi in grado di comunicare con gli altri, 36 è un numero più probabile, ma sicuramente sono molte di più.

Ma Conselice ha osservato che questa è una stima conservativa, principalmente perché si basa su quanto tempo la nostra stessa civiltà ha inviato segnali nello spazio, un periodo di soli 100 anni.

Il team aggiunge che la nostra civiltà avrebbe bisogno di sopravvivere almeno per altri 6.120 anni per stabilire una comunicazione a due vie. “Sarebbero molto lontani … 17.000 anni luce è il nostro calcolo per il più vicino ” , ha detto Conselice.  “Se trovassimo le cose più vicine … ciò significherebbe che la durata della vita delle civiltà è di oltre 100 o poche centinaia di anni. Indicherebbe che una civiltà intelligente può durare migliaia o milioni di anni. Più troviamo nelle vicinanze, migliore è la sopravvivenza a lungo termine della nostra stessa civiltà ” , ha detto lo scienziato.

IL Professor Andrew Coates, del Mullard Space Science Laboratory. all’University College di Londra, ha affermato che le ipotesi formulate da Conselice e colleghi sono ragionevoli, ma per ora è probabile che la ricerca della vita avvenga più vicino a casa.

“È un risultato interessante, ma sarà impossibile testare utilizzando le tecniche attuali “, ha detto. “Nel frattempo, la ricerca sul fatto che siamo soli nell’universo includerà la visita di probabili oggetti all’interno del nostro sistema solare, ad esempio con il nostro rover Rosalind Franklin su Marte, e future missioni sulle lune di Giove e Saturno Europa, Encelado e Titano. È un momento affascinante alla ricerca della vita altrove ”, ha concluso Coates.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Il gigantesco telescopio cinese riceve 100 “segnali misteriosi” da 3 miliardi di anni luce di distanza
Elon Musk (Space X): “dobbiamo lasciare il pianeta nel più breve tempo possibile, per evitare l’estinzione della specie umana”
ALIEN INVASION: enorme UFO a forma di “sigaro” fotografato dalla Stazione Spaziale Internazionale

Comments are closed.