Minaccia Biologica

Russia: l’Ebola può agire come arma biologica. Il virus creato negli Stati Uniti?

Poco tempo fa, in un nostro precedente articolo, vi avevamo dato notizia di un possibile coinvolgimento degli Stati Uniti con l’epidemia di Ebola che sta flagellando parte dell’Africa.  Le troppe anomalie ed alcune strane coincidenze, come la morte di Glenn Thomas, l’esperto di Ebola, nel volo della Malaysia Airlanes, ci sembravano alquanto sospette. Vi avevamo già parlato di questo virus che rientra nella categoria A di agente di bioterrorismo e della possibilità che quest’epidemia non sia del tutto casuale. Un articolo che abbiamo scovato su un giornale russo non farebbe altro che confermare le nostre ipotesi. Sono coinvolti gli Stati Uniti?

ebola-3

Aggiornamenti sull’epidemia

Le ultime notizie sull’epidemia di Ebola non sono rassicuranti dato il numero di morti che è in continuo aumento. Le condizioni di Kent Brantly sono in rapida ripresa, in Canada invece un cittadino di rientro dalla Nigeria è stato messo in quarantena per stabilire l’eventuale contagio.
Nel frattempo le autorità affermano che un vaccino preventivo sarà pronto per il 2015; come se forse gia non esistesse…

Le rivelazioni direttamente dalla Russia

Il Pravda, un noto giornale russo, ha lanciato una bomba mediatica pochi giorni fa attraverso un articolo molto interessante che fa riflettere e ci aiuta forse a fare chiarezza sulla realtà dei fatti. Chiaramente si tratta di ipotesi che però lasciano parecchi punti di domanda. L’articolo risale all’11 agosto e viene fatto riferimento al numero incredibile di morti in Africa avvenuto con una velocità incredibile. Il vaccino fornito con urgenza ai due medici americani contagiati aveva fatto nascere i primi dubbi. Improvvisamente si è scoperta la presenza di un vaccino contro l’Ebola, sviluppato probabilmente da 30 anni i quali diritti appartengono agli Usa. Perché ne veniamo a conoscenza solamente adesso? Perché questi diritti appartengono solamente agli Stati Uniti?

ebola4

Le risposte presumibilmente sono due: interessi commerciali ed abuso di potere. Scatenando il panico a livello globale, grazie anche all’aiuto dei media, sarà possibile vendere il farmaco praticamente a qualsiasi prezzo. Inoltre avendo tutti i diritti su questa cura saranno gli Stati Uniti a condurre il “gioco”.

Alexander Butenko, il professore che ha guidato la spedizione d’Ebola in Guinea nel 1982, ha affermanto che quest’epidemia è la continuazione di quella scoppiata in quell’anno.
Butenko afferma inoltre che gli scienziati russi hanno a disposizione la più ampia base scientifica per la creazione del vaccino ed i materiali raccolti fino ad oggi dovrebbero aiutare gli scienziati attuali a sviluppare una cura.

image

ebola-epidemia

Vladimir Nikiforov, un professore russo, ha dichiarato che la possibilità di utilizzare l’Ebola come arma biologica è reale.  Il virus può essere utilizzato sotto forma di aerosol, causando gravi problemi.  Onischenko, l’ex capo medico sanitario russo, non ha escluso la possibilità che questo virus non sia del tutto naturale e non generato da terzi, o addirittura di origine extraterrestre (ovvero, proveniente dal cosmo attraverso meteoriti caduti sulla Terra). 

Tutto sembra dunque ricongiungere ad un’epidemia guidata, ma chiaramente sono tutte ipotesi al momento non confermate.  Certamente le anomalie e le coincidenze sono diverse e sinceramente non ci stupiremmo se quest’epidemia fosse stata realmente scatenata ad hoc.

Di Stefano Sorce

Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
Fukushima, a 5 Km dalla centrale nucleare “radiazioni superiori 100 volte” a quelle di Tokyo
Fukushima prepara il sushi radioattivo. Livello di cesio radioattivo 124 volte superiore a quello consentito
Stati Uniti: batterio killer fuoriesce da un laboratorio di New Orleans

Comments are closed.