Vita nel Cosmo

Possibilità di vita aliena sul pianeta Kepler-62F

Un team di ricercatori della University of California (USA) ha rilevato che il lontano pianeta Kepler-62f, che si trova 1.200 anni luce dalla Terra nella costellazione della Lira, può contenere oceani di acqua e può anche essere abitabile. Questa ipotesi si basa su uno studio fatto dai ricercatori e pubblicato sulla rivista Astrobiology. Il pianeta potrebbe essere circa 40 volte più massiccio rispetto alla Terra.

Nel 2013, la missione Kepler della NASA ha scoperto il sistema planetario che include Kepler-62f, che è il più esterno dei cinque pianeti in orbita intorno ad una più piccola e più fredda stella simile al Sole. Tuttavia, la missione non ha fornito informazioni sulla composizione dell’atmosfera di Kepler-62f o la forma della sua orbita.

kepler_62

Ora, gli scienziati dell’Università della California hanno determinato una serie di scenari diversi circa l’atmosfera del pianeta e la sua orbita, per concludere se possa contenere la vita. Sorprendentemente, recenti ricerche effettuate dal team di scienziati, è stato scoperto che ci sono diverse possibili condizioni atmosferiche che potrebbero consentire acqua sulla sua superficie.

“Abbiamo trovato, grazie alle analisi della sonda Kepler, che ci sono più composizioni atmosferiche che permettono al pianeta di essere abbastanza caldo per avere acqua liquida sulla sua superficie”, ha detto Shields, una Università della California presidente Postdoctoral Fellow Programma. “Questo lo rende un candidato forte per un pianeta abitabile.”

I ricercatori hanno messo a confronto i dati dell’atmosfera di K-62F con il pianeta Terra. Per esempio sul nostro pianeta, il biossido di carbonio costituisce lo 0,04 per cento della nostra atmosfera. Dal momento che Kepler-62f si trova più lontano dalla sua stella di quanto la Terra dal nostro sole, i ricercatori hanno concluso che ci deve essere molta più anidride carbonica nell’atmosfera a tal punto che il pianeta dovrebbe essere abbastanza caldo che consentirebbe acqua liquida di trovarsi sulla sua superficie ma senza essere congelata.

Tuttavia, Kepler-62F non è l’unico candidato che possa ospitare la vita. In effetti, oltre 2.300 esopianeti sono stati confermati, ma solo alcuni di loro si trovano nelle cosidette  “zone abitabili”, nel senso che sono proprio alla giusta distanza dalla loro stella ospite, che permette all’acqua liquida di esistere sulla loro superficie.

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

SHARE
RELATED POSTS
Scienziati NASA trovano i mattoni della vita nella nube di polveri e gas della Cometa 67P
Esclusivo!! Nasce la prima pianta sulla Luna. Grande successo della missione cinese Chang’e-4
MARTE, la sonda MRO della NASA rivela antiche “strutture” artificiali nella regione Hellas Planitia

Comments are closed.