UFO

“Palle di fuoco” provenienti dalle acque del fiume Mekong

Mentre molti cittadini tailandesi credono che sia il mitologico serpente Naga, una divinità delle acque, gli scienziati si sforzano di chiarire la vera origine di queste “palle di fuoco” che si manifestano sempre nelle stesse date, in questo periodo di autunno.

Le misteriose “palle di fuoco” nel fiume Mekong, una sfida per la scienza

Le “palle di fuoco”, che sgorgano dal fiume Mekong in questo momento al confine tra Thailandia e Laos,  sono ancora una sfida per gli scienziati, mentre per molti residenti locali,  la risposta è: si tratta del mitologico serpente Naga.

naga1

La parola Naga viene dal sanscrito: “nag” significa “serpente”, questa razza antica fa parte della cultura popolare di prevalenza indù e buddhista, in particolare nel Sud dell´India, dove si dice che diano la fertilità ai fedeli, inoltre sono considerati i servi di Varuna, dio vedico delle tempeste.

 

 

Lo scorso fine settimana, decine di migliaia di persone si sono radunate sulle rive del Mekong nel lato thailandese e laotiano per  osservare questo fenomeno con aria di festa, che si riferisce alla celebrazione buddista locale della fine del Vassa nella notte di luna.

“Sono nato qui a Nong Khai e ho visto tutto l’anno. Palle di fuoco sono di un colore rossastro molto in alto. All’inizio abbiamo chiamato fuoco fantasma , ma sappiamo che Naga è il fiume più sacro e per noi è come un Dio “, dice Kasem Srikulwong, 78 anni, cittadino locale.

“Penso che sia veramente il Naga. Se fosse naturale o ha avuto una spiegazione scientifica questo non lo sappiamo, ma perché è proprio in questo giorno, ogni anno, che si hanno queste manifestazioni? Nessun suono o calore o luci artificiali?”, Spiega questo tailandese nel suo negozio nella città di Phong Phisai, che si trova davanti al Fiume Mekong.

 

Le misteriose "palle di fuoco" nel fiume Mekong, una sfida per la scienza

Veduta del fiume Mekong che passa tra la Thailandia e il Laos

Il fenomeno della “Bang Fai Phaya NAK” (“palle di fuoco giganti naga” in tailandese) coincide con la fine del Vassa, anche conosciuta come la quaresima buddista , dove i monaci si ritirano nei loro templi durante il periodo del monsone.

Alcune fonti dicono che il naga popolare lancia palle incandescenti per salutare Buddha in visita sulla Terra alla fine del Vassa, che dura circa tre mesi tra luglio e ottobre, a seconda del calendario lunare.

In questa stagione di festa, promossa negli anni Novanta dalla Tourism Authority of Thailand, decine di migliaia di persone affollano la bella provincia di Nong Khai nel Nord-est, che è una fonte importante di reddito. Seduti sulla riva del Mekong, come se tenessero un pic-nic, i partecipanti cominciano ad applaudire ogni volta che nel buio del fiume si cominciano ad osservare sfere rossastre di diverse dimensioni che volano in aria a decine o centinaia di metri dalla riva del fiume.

Questo misterioso fenomeno avviene lungo diversi chilometri del Mekong ed è, secondo molti locali, il Naga, la divinità serpente che è molto venerato in Thailandia e Laos, in particolare nelle zone intorno al fiume. In molti negozi intorno Phong Phisai,  appendono le foto con luci e perfino scale naga e le tracce lasciate dalla creatura mitologica supposta nel Mekong.

 

Sono batteri?

Scienziati tailandesi non hanno trovato una spiegazione plausibile per le palle di fuoco, un fenomeno la cui esistenza è riconoscere e studiare ogni anno per cercare di trovare le cause.

Nel 2003, un team di scienziati del Ministero della Scienza e della Tecnologia della Thailandia non poteva venire ad alcuna conclusione, ma ha detto che l’ipotesi era ed è, che queste sfere di luce erano il prodotto della combustione di gas metano e azoto causate da batteri nel fondo del fiume. Questi gas, come riportato dal Ministero, si accendono a contatto con l’ossigeno in condizioni di temperatura e di umidità molto specifico.

Altri studi hanno incluso anche la possibilità che il caso del gas come fosfina e difosfina, gas incolore che a temperatura ambiente esplode, emettendo una fiamma. Anche se alcuni scienziati come il professor Jessada Denduangboripant, della Chulalongkorn University di Bangkok, ha detto che si tratta di un fenomeno creato dall’uomo.

“I gas di combustione possono uscire o entrare ma ma non si trasformano in una palla di fuoco che sia in grado di salire diversi metri in aria, quindi non è plausibile una spiegazione chimica del fenomeno”, dice Jessada.

Nel 2002, un team di Thai iTV canale televisivo che ha mandato in onda un programma in cui mostrava come i soldati del Laos con le pistole, sparavano alcuni razzi  in aria, facendo credere alla gente che erano i famosi fuochi di Naga.

Migliaia di residenti di Nong Khai erano contrari a ciò che era stato detto nel programma iTV e anche l’ambasciatore del Laos a Bangkok, Hiem Phonmachanh, ha criticato la televisione e ha negato che il fenomeno fosse di fabbricazione artificiale. Ovviamente la scienza, dato che non sa dare una spiegazione plausibile a questo fenomeno, il tutto viene ridicolizzato e liquidato con una spiegazione poco convincente.

Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
Il parlamento federale tedesco rilascerà i documenti sugli UFO
Nevada (USA): UFO viene inseguito da un caccia F-117 – il video
Nevada: avvistamento UFO Flottillas a Las Vegas

Comments are closed.