Home UFO Operatore RADAR confessa: “Sono stata Rapita e Costretta alla schiavitù in una...

Operatore RADAR confessa: “Sono stata Rapita e Costretta alla schiavitù in una BASE LUNARE Segreta”

4396
0

Terela Niara Isley, ex Ufficiale addetta ai radar della United States Air Force, ha ricordato episodi bizzarri e terrificanti sotto ipnosi.  Isley ha ricordato durante sessioni di Ipnosi regressiva, di  essere stata rapita da un “umanoide con una coda” e portata in una base segreta sul lato più lontano e scuro della Luna.

la ex operatrice di tracciamento radar dell’aeronautica statunitense, Niara Terela Isley, ricorda la sua esperienza traumatica di essere stata rapita più volte, sottoposta a esperimenti e costretta ai lavori forzati in una base lunare segreta. Questo è accaduto nel 1980, un evento inaspettato che ha cambiato per sempre la vita di Niara Isley.

Durante il viaggio con alcuni dei suoi colleghi in missione al Tonopah Test Range, il loro aereo ha incontrato un UFO luminescente che ha mantenuto la rotta al loro fianco. Il controllo radar di terra ha ordinato loro di intercettare il disco volante.

Al momento dell’atterraggio, Isley e i suoi colleghi sono stati rapidamente presi in custodia da uno dei rami segreti dell’Air Force.  In un libro che ha scritto l’ex operatrice Radar descrive il suo calvario, dove nel corso di diversi mesi, Isley è stata rapita da 8 a 10 volte e portata in una base lunare segreta sul lato oscuro della Luna.

 

 

La base era sotto il controllo di esseri rettiliani ma gestita da personale umano. Isley afferma che come lei, la maggior parte di loro è stata tenuta lì contro la loro volontà.

“Ero molto poco nutrita e lavoravo duramente durante il ciclo diurno, a volte azionando qualche tipo di attrezzatura elettronica per lo scavo e facendo lavori manuali fisici in altre, come sollevare e impilare scatole. Peggio ancora, sono stata usata per il sesso durante quella che passava per la notte lì, da uomo a uomo”, ha scritto.

L’apice di questo trattamento disumano era una lunga serie di esperimenti progettati per logorarla mentalmente e rimuovere il suo libero arbitrio. Le procedure mediche sono state eseguite da extraterrestri grigi, il che significa che la cospirazione è profonda.

E così è andato avanti per mesi fino a quando è stata finalmente rilasciata. Ma Isley è convinta di non essere stata liberata senza prima essere stata sottoposta a una cancellazione della memoria. Infatti, dice che un’acuta assenza di ricordi di quel periodo le ha fatto capire che potrebbe essere stata vittima di un rapimento.

I Rapimenti sono eseguiti o supportati dalle forze militari di tutto il mondo

Per un periodo di tre mesi nel 1980, Isley non aveva ricordi, sebbene all’epoca lavorasse per l’aeronautica americana. Snervata dal tempo perso, si sottopose all’ipnosi regressiva e recuperò i suoi ricordi soppressi. Sembra che la cancellazione della memoria non sia riuscita.

Niara Terela Isley e molti altri rapiti sono convinti che la maggior parte, se non tutti, i rapimenti siano effettivamente eseguiti o supportati dalle forze militari di tutto il mondo. Una popolare teoria della cospirazione chiama queste operazioni MILAB (Rapimenti militari) e ipotizza che siano molto più comuni di quanto si pensi. Isley e i suoi colleghi raccomandano la terapia ipnotica a chiunque abbia vissuto lunghi periodi di assenza.

Sebbene Isley porti poche prove a sostegno della sua testimonianza (oltre alla sua testimonianza), solleva diversi punti interessanti. La presenza di una base segreta congiunta rettiliano-grigio-umana sul nostro satellite, e molto  preoccupante e il fenomeno dei rapimenti che è a dir poco allarmante.

La cosa peggiore di tutte è che ci potrebbe essere una cooperazione tra tutti i governi di tutto il mondo con i Rettiliani e le altre razze extraterrestri, ma nessuno dirà mai le cose come stanno. La prassi è che tutti i civili e militari coinvolti in questo ambito, vengono sottoposti a visite periodiche in cui vengono iniettate sostanze farmacologiche,  tali da far dimenticare le esperienze vissute durante le missioni Top Secret.  Ma l’ipnosi regressiva si è rivelata un buon strumento per abbattere queste barriere del “non ricordo”, e  trovare quindi la prova del rapimento con un qualche tipo di razza aliena.

Redazione Segnidalcielo