Planet X Nibiru

Nuove prove sostengono che una “Stella Oscura” abbia alterato il Sistema Solare

Come pubblicato su Space.com, una stella oscura proveniente dallo spazio interstellare sarebbe stata così vicino al nostro sistema da cambiare completamente la sua configurazione.

Negli ultimi anni, gli scienziati spaziali hanno iniziato a sospettare che qualcosa di straordinario sia successo al nostro sistema solare nei suoi primi giorni di vita. Molti hanno cominciato a chiedersi perché non c’è tanto materiale nel sistema solare esterno come suggerirebbe la logica. Inoltre, perché Nettuno è molto più massiccio di Urano, che è più vicino al Sole? E perché così tanti degli oggetti più piccoli nel sistema solare esterno hanno orbite e forme così strane? Nell’affrontare queste domande, molti astrofisici hanno cominciato a chiedersi se una stella avrebbe potuto vagare nelle vicinanze, ovvero sul bordo del sistema solare, avvicinandosi abbastanza da estrarre alcuni degli oggetti nelle parti esterne del sistema solare dalle loro posizioni precedenti.

Non è una ipotesi nuova, ma gli astronomi avevano pensato che fosse uno scenario piuttosto improbabile. Si aspettavano che un sorvolo stellare vicino sarebbe stato piuttosto raro, a partire da circa 10 milioni di anni dopo la nascita della Via Lattea, quando pensavano che gli oggetti sarebbero ancora occupati nel sistema solare esterno.

Nel loro articolo pubblicato su arXiv , i ricercatori del Max-Planck Institute e della Queen’s University suggeriscono che recenti ricerche condotte da gruppi che studiano la formazione di altri sistemi solari hanno dimostrato che le parti esterne di questi sistemi possono essere più sviluppate delle loro parti interne.

Quindi, il team alla base della nuova ricerca ha condotto una serie di simulazioni per vedere quanto era probabile che una stella vicina si fosse intrufolata oltre il nostro sistema solare in modo tale da spiegare ciò che vediamo oggi. Per testare la loro teoria, hanno creato una simulazione di tale scenario e hanno scoperto che corrispondeva molto strettamente a quello che possiamo vedere oggi: un sistema solare con stranezze ai suoi bordi esterni. Come passo successivo, i ricercatori intendono continuare a testare l’ipotesi, rendendo i loro modelli più dettagliati ed esplorando come la regione potrebbe rispondere a tale visita interstellare.

Gli scienziati sanno da tempo che la stella più minacciosa per la Terra è Gliese 710, che a un certo punto,  potrebbe avvicinarsi a 1 anno luce di distanza. Alcuni ricercatori si dicono convinti che questa stella è una nana bruna chiamata Nemesis che governa un piccolo sistema planetario vicino al nostro. In questo sistema planetario troviamo alcuni pianeti tra cui il Pianeta X.

A cura della Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
35 vulcani eruttano sulla Terra – ll Ring of Fire dell’Oceano Pacifico si sta silenziosamente risvegliando
Misteriose anomalie “gravitazionali” stanno interessando il Sistema Solare
Svelato il piano segreto del Vaticano per l’arrivo di un Dio alieno

Comments are closed.