Anomalie Spaziali

NASA: misteriosa cometa passa vicino al Sole

Gli astronomi sono sconcertati dalle immagni trasmesse dalle sonde SOHO e riguardanti una cometa che passava “follemente vicino” al Sole il 19 febbraio 2015. A prima vista sembrava essere un piccolo oggetto, non più grande di un asteroide o cometa, destinato a disintegrarsi nel caldo torrido solare, invece questo oggetto è riuscito a sopravvivere rimanendo apparentemente intatto,  allontanandosi successivamente dal Sole senza subbire conseguenze.

 cometa ufo453 Feb. 22

cometa ufo450 Feb. 22

Ufficiosamente, il visitatore di ghiaccio viene chiamato “SOHO-2875,” e  Karl Battams del Naval Research Lab ha spiegato al sito Spaceweather : “è una cometa che non fa parte di nessun gruppo di oggetti conosciuti, il che significa che non sembra essere correlato a qualsiasi altra cometa, ovvero di famiglie di comete a noi conosciute, o che abbiamo registrato in passato. Questo oggetto è troppo insolito per essersi comportato in questo modo – continua Battams – ma questa cometa è relativamente brillante e non si è disintegrata a contatto con il Sole.”

cometa ufo452 Feb. 22

La grande domanda che si sono posti la maggior parte delle persone, è se questa cometa si potrà osservare dalla Terra. In un primo momento si è pensato che la risposta fosse “no”.  Battams  inoltre dichiara: “io sono molto sorpreso, scioccato… infatti la cometa si è come illuminata drammaticamente,  ed ora sfoggia una coda sempre più impressionante e che sarà visibile dalla Terra in un paio di settimane “.

Alcuni ricercatori UFO insistono nel ribadire, che questo oggetto non sia una cometa reale,  ma un qualcosa di “alieno”. Nel corso delle settimane a venire si potrà osservare meglio e vedere di cosa si tratta!!

Redazione Segnidalcielo

———————————–

SHARE
RELATED POSTS
Meteorite cade e distrugge una casa a Walapane in Sri Lanka
Il sistema solare è penetrato da corpi celesti vaganti per via di una misteriosa “perturbazione gravitazionale”!!
Russia: enorme meteorite esplode nei cieli dell’estremo oriente russo

Comments are closed.