Anomalie Spaziali

NASA: la sonda spaziale SOHO registra una misteriosa anomalia sul Sole

Lo scorso 31 maggio 2015, la sonda eliosferica SOHO, ovvero il telescopio spaziale ad alta risoluzione che monitora la turbolenta attività del Sole, ha registrato quello che per molti potrebbe rappresentare un solido oggetto scuro le cui dimensioni sono paragonabili a quelle di un pianeta grande come la Terra.

ufo sole497

L’oggetto ricorda quello avvistato nel mese di marzo 2012,  quando in alcune immagini catturate dal telescopio spaziale SOHO si poteva osservare una scura sagoma dalla forma circolare. Questo oggetto sembrava sprigionare una sorta di filamento diretto verso la superficie del Sole,  poco prima che questo si staccasse dal Sole scomparendo rapidamente nelle profondita’ dello spazio.

ufo sole498
Secondo gli scienziati della NASA , l’oggetto scuro potrebbe essere attribuito a un qualche tipo di attività solare o al cosiddetto lens flare.  Alcuni ricercatori attribuiscono la presenza di questo enorme oggetto a qualcosa di correlabile con attività extraterrestre.  Quindi, quest’ultimo avvistamento dimostra ancora una volta che gli UFO sono particolarmente interessati all’attivita’ solare.

SOHO[3]

l’Anomalia ricorda quello avvistata nel mese di marzo 2012, quando in alcune immagini catturate dal telescopio spaziale SOHO si poteva osservare una scura sagoma dalla forma circolare

Nassim Haramein, ricercatore scientifico multidisciplinare, filosofo e leader del Progetto di Risonanza, è noto per la sua ricerca e la costruzione di una teoria unificata della struttura dell’Universo chiamata appunto Teoria della Grande Unificazione di Campo. Nassim asserisce che il Sole crea piccoli fori chiamati macchie solari, queste macchie non sono macchie come tutti possono pensare, ma riflettono il vero aspetto di un buco nero nel Sole, che dura per settimane o mesi e poi si chiude.
Questo buco nero è una “finestra” spazio temporale, una sorta di porta o Stargate attraverso il quale si può viaggiare tra infiniti mondi e dimensioni sconosciuti all’Uomo.

Secondo il ricercatore Haramein, quasi una volta a settimana avviene una singolarità, ovvero un buco nero (worm hole) sul Sole. Civiltà extraterrestri o interdimensionali che desiderano un accesso avanzato nel nostro sistema solare, con buchi neri grandi come la Terra, possono farlo attraverso appunto lo STARGATE del nostro Sole.

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

riferimenti: fontefonte

SHARE
RELATED POSTS
Il Rover Curiosity fotografa un monolite su Marte. Le immagini presentate dallo Skywatcher “Streetcap1”
Marte: resti fossili di una piccola creatura alata fotografati da Rover Curiosity
L’Astrofisico Gareth Williams: “ISON potrebbe dirigersi pericolosamente verso la Terra”

Comments are closed.