Antica Terra Archeologia Misteriosa UFO

Monolite Mar Mediterraneo: scienziati dicono che è stato plasmato da una civiltà tecnologicamente evoluta

Gli scienziati hanno recentemente scoperto un antico ed enorme monolite nel Mar Mediterraneo. Si tratta di un manufatto controverso che suggerisce come gli antichi erano molto più avanzati di quanto si pensasse.

Più di 9300 anni fa, Età della pietra, i cacciatori hanno realizzato qualcosa che va al di là di ciò che gli scienziati di oggi, possano pensare che sia possibile. Sono riusciti a tagliare una roccia sedimentaria di 15 tonnellate con molta accuratezza, effettuando delle perforazioni con delle aperture su di essa e poi lo hanno trasferito a circa 300 metri di distanza da dove lo hanno creato. Il monolite possiede una lunghezza di 10 metri ed è stato trovato in una zona sottomarina del Mar Mediterraneo.

Risultati immagini per monolite canale di sicilia

Gli oceanografi hanno trovato il monolite a 40 metri di profondità, mentre effettuavano una ricerca sui fondali nel Canale di Sicilia tra la Tunisia e la Sicilia. La scoperta è stata fatta nel 2012. Gli scienziati hanno detto che questa regione venne completamente sommersa circa 9.300 anni fa. In precedenza, la regione era un arcipelago composto da varie isole tra cui l’isola di Sicilia e la costa del Nord Africa.

Sapendo questo, i ricercatori hanno dedotto che la colonna di pietra è stata scolpita oltre 9300 anni fa. Sono stati in grado di datare il monolito dopo l’acquisizione di schegge dalla sua superficie e confrontandoli con diversi tipi di roccia antiche. Hanno anche scoperto che ha la stessa struttura e età di altre rocce ritrovate poco distanti dal monolite, che indica come sia stato trasportato alla stessa distanza.

Risultati immagini per monolite canale di siciliaRisultati immagini per monolite canale di sicilia

Gli scienziati dicono che la scoperta di questo pilastro subacqueo può aiutare gli studiosi a determinare e a riconsiderare l’intera idea di “primitivismo tecnologico” tra i cacciatori-raccoglitori (ed i mezzi che possedevano). Questa scoperta supporta l’evidenza di una notevole attività umana nel Mesolitico nella zona del Canale di Sicilia.

Alcuni aspetti che hanno portato a prendere in considerazione l’idea che questo monolite fosse stato plasmato da esseri umani e non da madre natura, è dovuto al fatto che la colonna di pietra ha una forma comune e tre fori dello stesso diametro. E ‘composto da rocce sedimentarie di natura molto simili ad altre rocce non troppo lontano da dove è stata effettuatao il ritrovamento, ma è diverso dalle rocce nelle immediate vicinanze.

L’esistenza del grande monumento indica un’intensa attività umana nella zona. E ‘stato tagliato e rimosso fisicamente come una singola unità di pietra dalla cresta esterna situato a circa 1.000 piedi a sud e poi trasportato utilizzando gli “strumenti primitivi” che i cacciatori-raccoglitori avevano in quel periodo di tempo. Interessante notare che, dalla dimensione del monolito, potrebbe aver pesato circa quindici tonnellate.

Immagine correlata

Risultati immagini per monolite canale di sicilia

Anche se il ruolo del monolite rimane sconosciuta, i ricercatori presumono che aveva una funzione importante, in quanto si trovava in una zona importante, a metà strada tra la Sicilia e la Tunisia. I primi esseri umani sono arrivati ​​in Sicilia tra 17.000 e 27.000 anni fa, quando c’era un ponte di terra che partiva dal continente italiano.

La scoperta di questo sito sottomarino nel Canale di Sicilia può espandere la nostra conoscenza delle antiche civiltà del bacino del Mediterraneo e le nostre attuali opinioni sul cambiamento tecnologico e di crescita conseguiti dagli abitanti mesolitici.

Il monolite è stata ricavato da un unica roccia gigantesca, che aveva bisogno di tagli, rimozione, trasporto, e di una sorta di stabilimento, che mostra senza dubbio come all’epoca la popolazione locale aveva grandi capacità tecniche e ingegneria impressionanti.

Risultati immagini per monolite canale di sicilia

Lo scienziato che sta studiando questo caso ha dichiarato:

LA CONVINZIONE CHE I NOSTRI ANTENATI NON AVEVANO LE CONOSCENZE, LE ABILITÀ E LA TECNOLOGIA PER SFRUTTARE LE RISORSE MARINE O FARE TRAVERSATE MARITTIME, DEVE ESSERE PROGRESSIVAMENTE ABBANDONATO. I RISULTATI RECENTI HANNO DEFINITIVAMENTE ELIMINATO IL CONCETTO DI ‘PRIMITIVISMO TECNOLOGICO’, SPESSO ATTRIBUITO A CACCIATORI-RACCOGLITORI COLONI COSTIERI “.

Il nostro pianeta ha offerto rifugio a innumerevoli esseri umani. Molte civiltà hanno prosperato nel corso degli anni, riuscendo a raggiungere la conoscenza e la comprensione dei loro dintorni. Pertanto, tecniche complesse sono state create per raggiungere i loro obiettivi. La storia antica possiede molte lacune e per questo motivo, alcuni scienziati presumono come lo sviluppo umano abbia raggiunto il suo picco migliaia di anni faa, e che mai prima d’ora una civiltà più avanzata è esistita.

Scoperti dalle profondità della Terra, nuove prove puntano in un’altra direzione rispetto a quella che si stava perseguendo e credendo in questo momento. Il nostro attuale NWO, nuovo ordine mondiale sta nascondendo la verità per preservare la propria autorità, nascondendo nuove prove che vengono trovate. A volte, però, lasciano fluire alcune “piccole scoperte” attraverso il quale non possano influenzare l’opinione pubblica generale.

Se apriamo gli occhi e analizziamo alcune scoperte recenti ci rendiamo conto che molti segreti non vengono toccati, sigillati per l’eternità. Ma non è possibile seguitare ad ingannare i popolo. Prima o poi la verità verrà a galla, allora saranno dolori per la casta, per l’Elite di potere che ha occultato la vera storia dell’Umanità.

di Miguel Hernandez

Per Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Sfere di luce avvistate e filmate nei pressi di un crop circle in provincia di Siena
I “Popoli delle Stelle”, i Contrari del mondo di Sopra
UFO Crash di Roswell, nuovo filmato mostra un “corpo Alieno”

Comments are closed.