Earth Changes

Misteriose “Luci Blu” avvistate nei cieli della Nuova Zelanda durante il terremoto

Molti testimoni hanno catturato in video lampi di luce che si sono visti fino alla città di Wellington, e guardacaso dopo il terremoto di magnitudo 7.8 (per l’INGV Italia era 8.1 Ritcher) che ha colpito il sud della Nuova Zelanda.

L’utente di Instagram chiamato Kiwi, ha pubblicato le luci in un video con sottotitolo “il cielo durante il terremoto a Wellington.” Il terremoto, con epicentro situato vicino Hanmer Springs, a nord di Canterbury, a una profondità di 15 chilometri, ha colpito poco dopo la mezzanotte e successivamente uno sciame di scosse di assestamento potenti hanno scosso il paese.

Secondo NewsHub, il sito di notizie della Nuova Zelanda, ha riferito che il video potrebbe aver catturato un fenomeno noto come le “luci sismiche”. Queste luci si verificano intorno alle faglie continentali, e sono dovute alle proprietà elettriche di alcune rocce.

Le teorie sul motivo di questi strani fenomeni sono diverse. C’è chi ha ipotizzato il coinvolgimento della piezoelettricità, del calore causato dalla frizione nell’area di faglia, dall’emissione di gas sprigionati prima della rottura della faglia, come il radon.

La teoria più recente ed apprezzata risale al 2014 e ipotizza un rapido accumulo dell’energia intrappolata tra le faglie del sottosuolo, con formazione di una differenza di potenziale elettrico fra le particelle che compongono la roccia. Lo studio, del canadese Robert Thériault, è stato pubblicato con il titolo “Prevalence of Earthquake Lights Associated with Rift Environments” sul Seismological Research Letters, vol. 85, nº 1 della Seismological Society of America. Questo fenomeno si verificherebbe soltanto in condizioni particolari, con rocce formate da determinati minerali capaci di caricarsi elettricamente durante la scossa.

Risultati immagini per luci sismiche

Ci vorrà ancora del tempo per sapere con certezza a cosa sono dovute le luci telluriche, bisognerà aspettare nuovi studi, conferme e ancora conferme delle ipotesi. Ma forse un giorno le luci sismiche potrebbero addirittura diventare una delle chiavi che porterà l’umanità a prevedere con precisione il verificarsi di un terremoto in questione di ore o giorni. Uno degli obiettivi principali della sismologia moderna.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Tre Comete transiteranno molto vicino alla Terra, un evento che si verifica raramente
Terremoti: svelato il mistero dei bagliori e delle luci sismiche
La Terra sta entrando nel “campo di detriti” della Cometa Halley

Comments are closed.