Anomalie Spaziali

Minaccia Asteroidi: nuovo rischio di collisione nel 2014 e nel 2019

Nuovo rischio di collisione con un corpo cosmico nel 2019? Questo quanto detto da alcuni scienziati  che hanno confermato quali pericoli corre la Terra, dalla minaccia proveniente dall’asteroide 2002 NT7, che è stato originariamente registrato e catalogato come potenzialmente pericoloso, ma è stato recentemente intercettato un nuovo oggetto o corpo cosmico e quest’ultimo potrebbe costituire una minaccia anche prima (nel 2014) rispetto a 2002 NT7, come è scritto anche sul sito web space.about.com.

Questo nuovo corpo cosmico denominato 2.003 QQ47 possiede un diametro di circa 1,2 km ed è sostanzialmente più piccolo rispetto a 2002 NT7 (2 km di diametro), ma è stato definito “un corpo spaziale che merita un attento monitoraggio” da parte degli astronomi. Gli scienziati ritengono che un possibile impatto sulla Terra da parte di QQ47 potrebbe verificarsi il 21 marzo 2014.

I due asteroidi sono stati trovati il 24 agosto 2003 grazie ad un progetto di ricerca per studiare gli asteroidi del Lincoln Near-Earth (programma MIT Lincoln Laboratory finanziato dalla US Air Force e dalla NASA) in New Mexico, 2003 QQ47 è stato classificato come 1 su una scala di rischio (scalaTorino). Gli scienziati hanno invitato alla calma, anche perchè hanno detto che le probabilità di una collisione catastrofica sono circa 1 su 909.000.

L’orbita di questo asteroide è stato calcolato sulla base di solo 51 osservazioni nel corso di un periodo di sette giorni e richiede ulteriori osservazioni per accertare se vi sia un pericolo per la Terra. L’asteroide sarà strettamente guardato a vista nei prossimi due mesi.

Redazione Segnidalcielo

riferimenti articolo: link

 

SHARE
RELATED POSTS
Una sola cometa potrebbe causare un catastrofico riscaldamento globale
PLANET X: Gigantesca parete al Plasma si manifesta sul Sole. Anomalia solare dovuta alla penetrazione di una Stella Binaria?
NASA: la sonda MRO fotografa un enorme e misterioso cratere da impatto su Marte

Comments are closed.