Earth Changes Planet X Nibiru

Meteorite in Russia: l’onda d’urto dell’esplosione ha trasmesso onde subsoniche su tutto il pianeta

 

L’astronauta Marc Kelly parla dell’evento in Russia, ovvero dell’esplosione della meteora avvenuta Venerdi 15 Febbraio 2013. Marc appunto dichiara, che l’onda d’urto dell’esplosione ha trasmesso le onde subsoniche attraverso l’atmosfera fino all’altra parte del mondo, in base ai sensori in Groenlandia, Africa, Russia Kamchatka e in altre regioni lontane che hanno rilevato infrasuoni dell’esplosione del meteorite russo. (link)

I dati registrati da Fireball CTBTO

Grafico dell’onda d’urto dell’esplosione della meteora, che ha trasmesso le onde subsoniche attraverso l’atmosfera fino all’altra parte del mondo


Marc Kelly è un veterano di quattro voli spaziali Shuttle. Ha comandato due missioni shuttle, tra cui ultimo volo della NASA dello Space Shuttle Endeavour nel maggio 2011, prima di ritirarsi dalla NASA Astronaut Corps. Kelly ha un fratello gemello Scott Kelly, anche lui un astronauta della NASA e veterano di due voli shuttle e una missione Stazione Spaziale Internazionale.

L’ Univesro, un posto affollato

In riferimento all’esplosione dell’asteroide in Russia, l’ex astronauta della NASA Mark Kelly ha ricordato che “l’universo è un posto molto affollato.” “Abbiamo detriti o comunque oggetti spaziali, che possono entrare nell’atmosfera per tutto il tempo“, ha detto Kelly “E ‘interessante quando sei sulla stazione spaziale e si sta guardando le stelle cadenti, le meteoriti, che entrano nell’atmosfera e stai vedendo quelli sotto di te. E’ un po’ sconcertante la faccenda.. perché sono tutte cose, specie le meteore,  che possono provocare grossi danni e tanta paura.”

Vi è certamente un rischio là fuori!

L’esplosione del meteorite russo sulla città di Chelyabinsk Venerdì (15 febbraio) ha ferite più di 1.000 persone, per lo più a causa del vetro dalle finestre infrante. “E ‘stata una grande roccia”, ha detto Kelly. In effetti, gli scienziati della NASA hanno stimato che la roccia spaziale era di circa 55 piedi (17 metri) di diametro e ha esploso l’equivalente di 500 kilotoni di energia.

L’onda d’urto dell’esplosione ha trasmesso le onde subsoniche attraverso l’atmosfera fino all’altra parte del mondo, in base ai sensori in Groenlandia, Africa, Russia Kamchatka e in altre regioni lontane che hanno rilevato infrasuoni dell’esplosione del meteorite russo.

Kelly ha osservato che di piccoli asteroidi pronti ad entrare nell’atmosfera, ce ne sono tanti e “vi è certamente un rischio là fuori“, aggiungendo che per fortuna l’oggetto in Russia non ha colpito la terra nel mezzo di una città, altrimenti sarebbe stata una strage!

Redazione Segnidalcielo

riferimenti articolo:

fonte

SHARE
RELATED POSTS
Tempeste di neve e freddo glaciale. La Corrente del Golfo si sta fermando?
Arriva l’asteroide 2003 DZ15: tutti con il naso all’insù la notte del 29 luglio 2013
Nuove Tempeste Geomagnetiche sono attese sulla Terra

Comments are closed.