Esplorazione spaziale Scienze News Vita nel Cosmo

MARTE, migliaia di funghi sono stati fotografati dai Rover della NASA

Come riporta il tabloid inglese The Sundey Express, i ricercatori hanno trovato migliaia di oggetti simili a funghi-licheni sulla superficie di Marte, secondo affermazioni non verificate pubblicate su un giornale online.

Il pianeta Marte ha molte caratteristiche simili alla Terra, con un’atmosfera densa, acque superficiali fluenti e forse persino vita. Oggi il pianeta rosso è un terreno desolato, con una bella atmosfera e senza segni visibili di vita sulla sua superficie. Alcuni scienziati sono convinti che Marte sia la patria di organismi semplici simili a funghi.

Secondo un controverso articolo pubblicato su The Journal of Astrobiology and Space Science Research , la superficie di Marte è piena di “migliaia di formazioni simili al licheni-funghi”.

I presunti funghi di Marte sono stati fotografati dalle sonde Curiosity e Opportunity dalla NASA mentre attraversavano il Pianeta Rosso.  Le foto mostrano gruppi di “palline soffici” rotonde che sporgono dal pavimento.

Gli autori hanno affermato che gli oggetti sono orientati verso il cielo, esibendo comportamenti tipici dei funghi, e che non esistono processi abiogenici – non biologici – che possano spiegare la loro presenza. Appunto per questo motivo, gli oggetti sono molto probabilmente biologici, quindi composti da materiale organico.

 
Tuttavia, da quando lo studio è stato pubblicato per la prima volta nel 2019, gli autori hanno rivisto le loro affermazioni. Su richiesta dei redattori della rivista, gli autori hanno osservato che le prove presentate nel loro articolo non dimostrano in modo conclusivo la loro ipotesi.

I ricercatori hanno scritto: “È importante notare che non esiste ancora alcuna prova definitiva che esistano o esistano organismi viventi. Tuttavia, non esistono processi “analoghi terrestri” in grado di spiegare la morfologia, la dimensione, il colore, gli steli cavi sottili e la direzione collettiva verso il cielo di questi esemplari a forma di fungo o fluttuazioni stagionali e aumenti e reintegrazione del Ossigeno marziano, oltre alla biologia.  Che questi possano essere organismi viventi può essere ragionevolmente dedotto facendo riferimento a analoghi organismi terrestri »; sebbene non sia noto se siano effettivamente vivi o biologici. Per dimostrare che questi organismi sono vivi, sarebbero necessarie ulteriori ricerche ed esami, valutazioni, estrazioni e analisi robotiche.”


Nel loro studio, i ricercatori hanno sostenuto che “non è probabile” che oggetti simili a funghi siano fatti di sale, sabbia o qualsiasi altro materiale non biologico. Quindi si attendono analisi più concrete attraverso le prossime missioni spaziali su Marte.

Redazione Segnidalcielo


 

SHARE
RELATED POSTS
Gli Astronauti e i Biochimici a bordo della Stazione Spaziale Internazionale identificano i microbi “Alieni”.
Sulla LUNA trovata struttura lunga 138 miglia e CENSURATA da Google!
NASA, grande attesa per la conferenza stampa sulla scoperta di un pianeta che si trova fuori dal Sistema Solare

Comments are closed.