UFO

Marte: il Rover Curiosity fotografa “antichi geroglifici” scolpiti in una roccia

In una delle  immagini della Nasa, catturate dalla sonda robot  Curiosity Rover che si trova sulla superficie di Marte, si può osservare una scritta su una roccia, che secondo i ricercatori UFO e teorici della cospirazione, vi è la convinzione che la fotografia, dimostrerebbe che una volta esisteva una antica civiltà su Marte, molto simili a quella della Terra.

geroglifico marte1241

geroglifico marte1242

Al contrario gli scettici,  la pensano in modo diverso,  visto che sostengono la teoria che le cosiddette immagini misteriose registrate dai rover su Marte, come ad esempio quella del Rover Curiosity, che mostra un geroglifico, non sarebbe altro che l’effetto di erosioni provocate dal forte vento sabbioso del Pianeta Rosso.

Il ricercatore Scott C Waring, direttore del quotidiano on line “UFOsightings”  ha scritto sul suo sito: “Le sculture misteriose fotografate su Marte, somigliano molto alle sculture egiziane antiche. “Questa scoperta relativa al geroglifico che si trova su una roccia marziana, dovrebbe essere oggetto di studio da parte degli archeologi di tutto il mondo, che dovrebbero vedere con un una lente d’ingrandimento, ciò che viene rilevato su Marte dai Rover della NASA.”

“Ciò che ha fotografato Curiosity, non è altro che un linguaggio scritto da altri esseri di un altro pianeta,  l’ultima goccia che farà trabboccare il vaso, riguardo la rivelazione e la divulgazione, sull’esistenza di antichi manufatti alieni.” Da non dimenticare  – contnua Scot – che la NASA, ha scoperto dei flussi d’acqua sulla superficie di Marte – i giusti requisiti per la nascita della vita  – ma non vi è stata alcuna evidenza fisica, relativa alla presenza di forme di vita sul Pianeta Rosso.”

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

SHARE
RELATED POSTS
Global Change: è forse in “arrivo” un grande Evento Epocale?
India: nasce un vitello con 3 occhi, proprio come Shiva, divinità Hindu
Scienziata del SETI dichiara: “gli Alieni esistono, ci mandano segnali ma non riusciamo a captarli”

Comments are closed.