Earth Changes

L’umanità è entrata nell’era di eventi meteorologici estremi

Il concetto che tutti i fenomeni meteorologici attesi, che dovrebbero avvenire nella norma, non è più valido.  Occorre ricordare che quattro anni fa le Nazioni Unite avevano avvertito che l’umanità stava entrando in “un’era di eventi meteorologici estremi”.

Ciò significa che tali eventi, come quello del tifone Haiyan delle Filippine  o dell’uragano Sandy responsabile per aver scosso la costa atlantica degli Stati Uniti nel 2012, sono eventi che si ripeteranno almeno ogni dieci anni o anche più spesso.  L’Aumento delle temperature annuali e la corrispondente energia in eccesso, aumenta l’intensità dei venti. Di conseguenza, un minor numero di cicloni saranno molto più devastanti. Occorre ricordare che Lunedi 11 Novembre 2013, nella capitale polacca, Varsavia, inizia il XIX° vertice sul clima delle Nazioni Unite, che durerà fino al 22 novembre. L’ordine del giorno sarà cercare di concordare i principi di un nuovo trattato globale per limitare le emissioni dei gas serra, considerati la causa principale del cambiamento climatico. Tuttavia, la maggior parte degli analisti sono pessimisti circa le prospettive del vertice.

I Governi devono far tesoro dei pochi progressi ottenuti, rendere da subito più ambiziosi gli obiettivi di taglio alle emissioni e riempire il Fondo per il Clima. Se non si adottano urgentemente misure per ridurre le emissioni di gas serra, si rischia di non agire per i prossimi dieci anni, mancando l’obiettivo indicato dalla scienza di mantenere l’aumento delle temperature al di sotto dei 2°C”, la soglia che gli scienziati considerano come limite ad un cambiamento irreversibile.

Redazione Segnidalcielo

 

SHARE
RELATED POSTS
Incredibili teorie: Nibiru non è il “distruttore” che si avvicina alla Terra ma è una grande nave interstellare!
Prof. Guy McPherson: “la distruzione del nostro habitat ci sta portando verso la Sesta Estinzione di Massa. Non andremo oltre il 2030”
Allerta per l’eruzione del Vulcano Piton de La Fournaise, Isola di Reunion

Comments are closed.