Home UFO L’Elite di potere ha nascosto le prove che la Luna possiede una...

L’Elite di potere ha nascosto le prove che la Luna possiede una sua atmosfera ed è abitata da microrganismi fotosintetici

238
0

La superficie della Luna si è rivelata essere coperta da una gigantesca quantità di ossigeno, elaborata da piante e microbi, successivamente “staccatasi” dall’atmosfera della Terra per il vento solare. Uno scienziato giapponese ha scoperto di recente che anche il satellite terrestre possiede una sua atmosfera con ossigeno, ma è stato tenuto nascosto per anni e anni dall’Elite di Potere.

Risultati immagini per moon, top secret

Non è un caso, se ci pensiamo bene, che dopo questo importante evento storico dello sbarco lunare l’interesse generale per l’argomento è andato gradualmente a scemare, forse grazie ad un programma nascosto dell’Elite di potere mondiale, che ha fatto così in modo da distogliere l’attenzione dalle vere scoperte che sono state fatte sul satellite terrestre. Ad esempio, una delle tante prove inconfutabili è quella che la Luna possiede una sua atmosfera e un ambiente adatto per la vita.

Risultati immagini per Top secret, moon

L’informazione è stata crittografata e riservata solo per un piccolo gruppo di potenti, che è il motivo per cui gli astronauti, che hanno partecipato alla missione, da quando sono tornati sulla Terra hanno vissuto praticamente in modo anonimo, nonostante la grande impresa realizzata da Neil Armstrong e compagni, tutto è stato messo a tacere, non ricevendo più l’attenzione dei media. Questo comportamento non è un caso e alcuni sostengono che il Pentagono, subito dopo il rientro degli astronauti dalla missione lunare, fece firmare loro un patto di silenzio sotto giuramento in modo da non rendere di dominio pubblico  le informazioni sensibili raccolte sulla Luna.

Immagine correlata

Tuttavia di recente, e quasi per caso, un gruppo di astronomi guidati dal Prof. Kentaro Terada ha avuto accesso ai dati raccolti dalla sonda lunare Kaguya. Tali risultati sono stati tenuti nascosti e poi declassificati perché mostravano risultati di analisi legate alla missione lunare del 1969 e tutte le informazioni che potrebbero confermare qualcosa di veramente sorprendente. Il Prof. Terada e il suo team hanno così scoperto che gli enti governativi (Elite di potere…) avevano tenuto nascosto per anni e anni (dopo lo sbarco sulla Luna)  le informazioni riguardanti le prove che la Luna possiede una sua atmosfera con una grande quantità di ossigeno ed è abitata da colonie di piante e microrganismi fotosintetici enormi come cianobatteri.

Immagine correlata

Beh, questo aspetto rende il satellite terrestre una bella meta per i signori dell’Elite, un posto giusto e adatto per ospitare la vita nel caso ci fosse una catastrofe globale che costringerebbe gli stessi gruppi d’élite ad abbandonare la Terra. Questo, secondo Terada, sarebbe stato il motivo per cui gli astronauti che hanno svolto missioni lunari sono stati tenuti sotto giuramento per il protocollo di sicurezza Cosmic Top Secret e far finta che la Luna era solo un posto deserto con crateri da impatto. Invece non è cosi, ma al contrario un posto tranquillo adatto a costruire qualche rifugio o avamposto segreto riservato solo per i potenti e le loro famiglie.

Risultati immagini per armageddon

Rammentiamo che sulla rivista scientifica Nature Astronomy fu pubblicata una ricerca del team di scienziati coordinati dal Prof. Kentaro Terada, dell’università giapponese di Osaka, che provava come i campioni raccolti sulla Luna erano la prova “evidente” che il vento della Terra raggiunge la Luna e deposita le particelle in uno strato profondo pochi milionesimi di metro nel suolo lunare. In questo strato, secondo i ricercatori, potrebbero esserci tracce di ossigeno e un’atmosfera. Poiché la maggior parte dell’ossigeno terrestre è generato dagli organismi fotosintetici e dalle piante, questa scoperta suggerisce che la Luna, per buona parte della sua storia, è stata continuamente “contaminata” da prodotti generati dalla vita sulla Terra. Le particelle di ossigeno della Terra raggiungono la Luna quando il nostro pianeta, per 5 giorni ogni 27 giorni, si frappone tra il Sole e la Luna e la scherma dal vento di particelle emesso dalla nostra stella (vento solare). Durante questo periodo, il vento solare viene deviato e le particelle intrappolate nelle regioni più esterne dell’atmosfera terrestre possono raggiungere la Luna.

Redazione Segnidalcielo