Home Misteri Le LEY LINES erano “ANTICHI PIANI DI VOLO” connessi con MONUMENTI...

Le LEY LINES erano “ANTICHI PIANI DI VOLO” connessi con MONUMENTI e MEGALITI

2149
0

Avete mai sentito parlare dei cosiddetti piani di volo antichi? Principalmente trovati in Gran Bretagna e Francia, i piani di volo antichi sono marcatori geografici posizionati intenzionalmente per determinare le Ley Lines, che sono interconnessi e chiaramente visibili una volta ritratti su una mappa. 

Se viaggiamo per l’Herefordshire, in Inghilterra, troviamo ciò che i teorici degli Antichi Astronauti chiamano ‘ Ancient Flight Plans ‘. Si dice che sia stato scoperto dall’archeologo Alfred Watkins durante l’equitazione, si ritiene che Watkins abbia notato che le strutture attraverso il paesaggio sembravano essere disposte in linee diritte e continue.

I Megaliti sono in grado di generare Campi di Energia e creare Stati di Coscienza Alterata

Quattro anni dopo, nel 1925, Watkins pubblicò il suo libro ” I vecchi rettilinei” dove teorizzò che l’umanità antica costruì monumenti e megaliti attraverso la Terra e che questi erano  collegati  da una rete di linee rette, ovvero quelle che tutti conoscono come LEY LINES. Sembra proprio che i monumenti e megaliti che sono stati costruiti e posizionati come marcatori geografici, funzionavano e funzionano come veri e propri “radiofari” che trasmettono continuamente un segnale su una specifica frequenza che serve per la navigazione radioassistita dei piloti di aerei civili e militari. 

Nel suo libro, ” I vecchi rettilinei “, Watkins propose che antichi monumenti fossero deliberatamente collocati lungo questi “binari” per una navigazione a linea di vista (come i radiofari) e che potessero persino essere usati come rotte commerciali.

Immagine correlata

Tuttavia, c’è un piccolo problema con questa teoria. Alcuni dei cosiddetti  binari rettilinei attraversavano terreni che erano difficili da raggiungere e da identificare. La maggior parte di queste cosiddette “linee guida” si trovano in Inghilterra e Francia sebbene non siano limitate a questi due paesi. Sono fondamentalmente segni geografici di un certo numero di luoghi di interesse storico, come monumenti antichi e megaliti, creste naturali e luoghi simili.

Secondo Linda Moulton Howe, giornalista investigativo americano e regista di documentari, vincitore del premio giornalistico Emmy, è nota per il suo lavoro di ufologa e sostenitrice di varie teorie cospirative:  “La linea si San Michael in Inghilterra è una linea retta ed è misurabile. È una linea di campi magnetici che è possibile misurare e sarà più alta rispetto ad altre aree geografiche intorno ad essa”.

Immagine correlata

Oggi ci sono molti autori e ricercatori che credono che queste cosiddette Ley Lines siano di fatto di natura magnetica e che delineino le linee dei campi di energia invisibile della Terra. Se viaggiamo in Danimarca, troveremo più di questi schemi geometrici, insieme ai tratti settentrionali del continente europeo. In Scandinavia, troviamo le rovine archeologiche di una fortezza vichinga un tempo prospera e potente risalente al 900 d.C.

Immagine correlata
i ricercatori sono rimasti attoniti dal disegno preciso di Trelleborg, con il cortile diviso in quattro zone , ognuna con quattro capanne e porte aperte proprio per le quattro direzioni cardinali : nord , sud , est e ovest .

Preben Hansson ha scoperto per la prima volta una linea di volo diretta da Trelleborg verso altre tre fortezze vichinghe, che sono molto simili nel design. Ma non solo queste strutture sono simili nel design, ma una linea diretta collega questi quattro forti vichinghi in Danimarca.

Come tutti sappiamo, i vichinghi erano persone di mare, ben noti come potenti guerrieri e marinai. Poiché erano persone di mare, è logico che la maggior parte dei loro insediamenti e forti fosse vicino all’acqua. Tuttavia, qui abbiamo fortezze posizionate nell’entroterra, che possono anche essere allineate con precisione. Inoltre, un’analisi più dettagliata dei forti ha rivelato un dettaglio affascinante. Non solo questi forti sono esattamente allineati, ma i ricercatori sono rimasti attoniti dal disegno preciso di Trelleborg, con il  cortile diviso in quattro zone , ognuna con quattro capanne e porte aperte proprio per le  quattro direzioni cardinali :  nord , sud , est e ovest .

Ciò chiarisce che la costruzione e la progettazione di Trelleborg avrebbero richiesto una grande conoscenza dell’ingegneria, dell’orientamento e del posizionamento.

Immagine correlata

Ley Lines è un fenomeno globale

Diversi autori e teorici degli antichi astronauti notano che se si disegna una linea retta e si attraversano le Alpi in Europa, si raggiungerà infine Delphi in Grecia. Perché questo è importante? Delfi è conosciuta come il luogo di origine dell’Oracolo di Delfi e del Dio Apollo. Secondo la mitologia greca, il potente Dio Apollo prese il suo “carro celeste” e scomparve in direzione nord.

Questa idea ha suscitato l’interesse di vari teorici degli antichi astronauti o ancient aliens, che vedono una chiara connessione tra le cosiddette Ley Lines e altre posizioni geografiche storicamente importanti sulla Terra. È possibile che questi schemi, linee e strutture antiche siano tutti interconnessi come suggeriscono alcuni teorici?

Immagine correlata

Perché ci sono così tante strutture antiche in tutto il mondo che sembrano seguire uno schema complesso? Linee, forme geometriche? Non è una coincidenza, dicono i ricercatori, che puntano ad altre strutture incredibilmente posizionate come le Piramidi di Giza, o anche le linee di Nazca in Perù, che proprio come alcune delle linee di potere in Inghilterra sembrano svelare anomalie magnetiche.

Il perfetto allineamento di questi monumenti sono connessi con le stelle, il cosmo e con altri monumenti in tutto il mondo è qualcosa che non è stato fatto a caso. Le Ley Lines o la Griglia della Terra e le anomalie del campo elettromagnetico presenti in diverse località geografiche in tutto il mondo,  non sembrano qualcosa di casuale. È qualcosa di programmato, qualcosa di elaborato, qualcosa che sembra davvero, fuori da questo mondo.

di Massimo Fratini

Redazione Segnidalcielo