UFO Vita nel Cosmo

La Russia ha Declassificato le immagini segrete di Venere che mostrano forme di “Vita Extraterrestre”

L’Istituto per la Ricerca Spaziale dell’Accademia delle Scienze Russa ha pubblicato una serie di fotografie prese dalla sonda Venera, che presumibilmente mostrano prove di organismi viventi su Venere, uno dei luoghi più inospitali per gli esseri umani nel sistema solare. 

Venere, il secondo pianeta dal Sole è il pianeta più simile alla Terra in termini di dimensione e struttura. In termini di superficie non è altro che terra ed è  il pianeta più caldo del sistema solare, soprattutto grazie all’atmosfera che è composta dal 97% di anidride carbonica, un gas a effetto serra che cattura il calore. La temperatura costante di Venere è di 480 gradi Celsius, una temperatura che è abbastanza calda per fondere cavi e altri apparati ed è ancora più caldo del pianeta più vicino al Sole, Mercurio.

According to Russian scientist Leonid Ksanfomaliti, this image, taken from a Russian probe that landed on Venus in 1982, we can see a scorpion-shaped life form

Secondo Leonid Ksanfomaliti, dottore in scienza fisica e matematica presso l’Istituto di Ricerca spaziale russo, le immagini scattate 30 anni fa dalla sonda Venera, rivelano il movimento di oggetti estremamente strani sulla superficie di Venere. La NASA non ha fatto altro che creare un cordone di disinformazione e ha continuato rapidamente ad eliminare la scoperta. 

In una delle immagini della superficie venusiana si può osservare un oggetto a mezza luna di origine metallica e la NASA spiega come questo questo oggetto o “disco” che si vede spostare sulla superficie di venere, è un cappuccio dell’obiettivo della macchina fotografica della sonda spaziale. Ma la “creatura simile a uno scorpione” che si vede in altra immagine proposta da Ksanfomaliti, sempre secondo la NASA è in realtà un “rumore” dovuto all’acquisizione delle fotografie. La cosa strana è che non è presente nell’originale dell’immagine. Ksanfomaliti ritiene che nelle immagini, una creatura a forma di scorpione, un disco e un “lembo nero” siano visibili in movimento davanti alla fotocamera a bordo della Venera 13.

article-2090556-116B1ED7000005DC-909_634x607

Secondo i resoconti dell’Agenzia di stampa russa Itar-Tass, il Dr. Ksanfomaliti ha spiegato in un articolo della rivista russa Solar System Research Magazine che: “Tutti” questi oggetti fotografati da Venera emergono, fluttuano e scompaiono. Se dimentichiamo le attuali teorie sulla non esistenza della vita su Venere, suggeriamo con coraggio che i tratti morfologici degli oggetti, ci permettono di dire che stanno vivendo, o meglio, queste sono forme di vita e sono vivi!!”.  Ma le controparti americane sembrano fermamente in disaccordo con le teorie di Ksanfomaliti. Ad esempio Ted Stryk, analista fotografico della NASA, dice che è più probabile che il disco visibile nella foto di Venera, potrebbe provenire dalla nave spaziale stessa.

article-2090556-116BEFC9000005DC-455_634x334

“Venera-13 aveva due telecamere, una davanti e una dietro. L’unica immagine mostra il tappo dell’obiettivo della telecamera anteriore e l’altra mostra il coperchio dell’obiettivo della fotocamera posteriore, ma non si tratta di un tappo degli obiettivi che si è mosso “, spiega, nei commenti su Life’s Little Mysteries.

Risultati immagini per declassified secret images from Venus that show extraterrestrial life

La NASA dice che non c’è modo che qualsiasi cosa possa sopravvivere oggi su Venere. Tuttavia, gli scienziati non hanno escluso che una volta, nel lontano passato, Venere avrebbe potuto sostenere la vita, forse in un momento in cui il pianeta avrebbe potuto avere oceani giganti e possibilmente la vita, prima che l’effetto serra creasse le temperature che governano il pianeta oggi. “Le teorie attuali suggeriscono che Venere e la Terra potrebbero essere partiti ugualmente nel processo di vita. Ci sarebbe stata molta acqua su Venere e ci potrebbe essere stata moltissima anidride carbonica sulla Terra”, ha detto il professor Andrew Ingersoll della Caltech University in un articolo pubblicato in Astrobiology nel 2004.

Immagine correlata

Il problema con la scienza e gli studiosi in cerca di vita extraterrestre è che l’umanità crede che la vita debba esistere altrove nel sistema solare o nell’universo, in un pianeta che dovrebbe avere per forza di cose un clima e condizioni simili a quelle della Terra. Questa è una visione sbagliata. Cosa succede se altrove, su Venere forse, ci sono esseri viventi che necessitano di temperature ardenti per sopravvivere, esseri che possono respirare l’anidride carbonica e non sopravvivere con acqua o ossigeno. Al fine di cercare in modo più adeguato la vita extraterrestre, dobbiamo cambiare le condizioni e gli schemi per la vita extraterrestre. Non dimentichiamo infine che sulla Terra esistono forme di vita, ovvero organismi viventi, che vivono in condizioni estreme, dove per noi non è possibile vivere.

A cura della Redazione Segnidalcielo



SHARE
RELATED POSTS
Enorme oggetto spaziale avvistato vicino al Sole
Spettacolare avvistamento UFO a Machu Picchu, Perù
Giappone: registrata attività UFO e l’apertura di uno Stargate sul vulcano Sakurajima – il video

Comments are closed.