Antica Terra UFO

La NASA sta monitorando in gran segreto una enorme “Anomalia Magnetica” in Antartide

Nulla si sa della bizzarra anomalia magnetica di circa 250 km che è stata trovata in Antartide grazie alle immagini satellitari fornite dalla NASA. Lo stesso ente spaziale sta monitorando questa anomalia magnetica da molti anni e nuove teorie sostengono che si possa trattare di un “qualcosa di grosso” nascosto sotto il ghiaccio in Antartide. Molti esperti di UFO sono convinti che la sotto ci siano nascoste basi segrete costruite durante il secondo conflitto mondiale dalla Germania (o meglio dai nazisti tra il 1940-1944), ma si crede anche che ci siano diverse basi in Antartide che sono state utilizzate non solo per gli esseri umani, ma anche da visitatori di altri mondi e il tutto viene occultato dal governo americano.

Risultati immagini per magnetic anomaly antarctica

La massiccia  anomalia in Antartide, occupa una distanza di circa 250 chilometri dei ghiacciai, e raggiunge una profondità massima di 850 metri sotto la superficie. L’anomalia è stata scoperta in una zona conosciuta come Terra di Wilkes in Antartide.

Ecco quanto dichiara il famoso cacciatore UFO Tyler Glockner è convinto che l’Anomalia Magnetica sia dovuta ad una base segreta Top Secret: “Fino ad oggi, gli scienziati non hanno alcuna idea o modo per scoprire esattamente ciò che è sepolto in profondità sotto lo spessore di questa piattaforma di ghiaccio. Questo continente è stato avvolto in un mistero totale ormai da anni e anni. Ci sono alcune prove che sono venute alla luce negli ultimi anni e riguardano le immagini che mostrano vari ingressi di basi sotterranee costruite sul fianco di una montagna. Questa entrata possiede una forma a piattino e si trova ad altissima quota. Ciò solleva la questione: come è possibile creare questi ingressi rotondi, senza qualcosa che potrebbe volare con la stessa forma del foro stesso?”

Immagine correlata

Si ritiene che la Marina degli Stati Uniti ha guidato una missione per investigare tale anomalia. La missione di ricognizione è stata soprannominata Operazione Highjump. L’Operazione Highjump include l’incredibile cifra di 13 navi, molti aerei di scorta, due portaerei, un sommergibile, due cacciatorpediniere e un totale di 4.700 uomini con attrezzature e armi da battaglia. Questa era stata definita ufficialmente come un ordinaria esercizitazione di formazione. L’Operazione Highjump è stata curiosamente terminata sei mesi prima del previsto. Un estratto dal 19 febbraio 1947 descrive l’arrivo di Byrd (famoso ammiraglio) sul Polo sud:

“Stiamo attraversando la piccola catena montuosa ed ancora procedendo verso nord come meglio può essere accertata. Al di là della catena montuosa è quella che sembra essere una valle con un piccolo fiume o ruscello, attraversa la parte centrale. Non ci dovrebbe essere verde di una valle qui sotto! Qualcosa è sicuramente sbagliato e anormale qui! Dovremmo vedere più ghiaccio e neve, invece ci sono grandi foreste che crescono sulle pendici della montagna. I nostri strumenti di navigazione sono ancora impazziti, il giroscopio oscilla avanti e indietro!”

Immagine correlata

ANOMALIA DOVUTA ALL’ IMPATTO DI UN ASTEROIDE

L’anomalia misteriosa è stata trovata dai satelliti della NASA nel 2006 e ad oggi sta monitornado in gran segreto questa zona. Tuttavia, non tutti sono disposti a credere alla teoria del complotto, riguardante basi segrete situate centinaia di metri sotto il ghiaccio Antartico. Altri credono che la strana anomalia non è così strana dopo tutto, e che è infatti il risultato dell’impatto di un asteroide doppio che forse sterminò i dinosauri.

Questo impatto della Wilkes Land, con il cratere ipotizzato dal team di von Frese, è molto più grande rispetto a quello che dovrebbe aver ucciso i dinosauri, e probabilmente avrebbe causato danni catastrofici al momento. Proprio Ralph von Frese, che è un professore di scienze geologiche alla Ohio State University, (ora in pensione) ha scoperto il cratere nel 2006. “Tutti i cambiamenti ambientali – racconta Von Frese – che sarebbero risultati dall’impatto dell’asteroide, avrebbe creato un ambiente altamente corrosivo che è stato davvero difficile da sopportare. Quindi ha senso che un sacco di vita si estinse in quel momento.”

Risultati immagini per magnetic antarctica

L’anomalia magnetica sembra provenire dalla zona di impatto di un asteroide

Ralph von Frese sostiene che una struttura nascosta nella crosta sotto l’Antartide  crea una potente Anomalia Magnetica. Tale anomalia quindi è dovuta alla presenza di un qualcosa nel cratere d’impatto di 500 km, in cui dovrebbe esserci il residuo del grande asteroide che ha impattato dando origine all’evento Permian-Triassic Extinction che ha ucciso il 90% di tutte le specie marine.

La conferma di questa teoria richiederebbe almeno due cose: la presenza di minerali sconvolti nei pressi del cratere d’impatto, e la datazione del cratere in prossimità del confine (245 milioni di anni fa). Sembra che un team di scienziati della NASA e della Marina degli Stati Uniti, sono a lavoro da anni nel sito di impatto per studiare l’origine dell’anomalia magnetica e il corpo extraterrestre incapsulato nelle profondità della crosta sotto l’Antartico. Questo oggetto di origine “aliena” sarebbe colpevole di questa anomalia magnetica.

A cura della Redazione Segnidalcielo




SHARE
RELATED POSTS
“Palle di fuoco” provenienti dalle acque del fiume Mekong
Russia: continuano gli avvistamenti UFO a San Pietroburgo – il video
La superficie esterna della Stazione spaziale internazionale può nascondere tracce di “vita extraterrestre”

Comments are closed.