Home UFO La NASA ha un Programma Spaziale Top Secret che prevede basi sulla...

La NASA ha un Programma Spaziale Top Secret che prevede basi sulla Luna

1438
0
copyright immgine by Segnidalcielo.it

Emery Smith, ex assistente dell’aeronautica militare statunitense, ha dichiarato che la NASA ha un programma spaziale con “equipaggio umano” in aggiunta al suo famoso programma civile. Il programma utilizza un corpo di astronauti scelti provenienti dal noto personale USAF.
Smith ha anche presentato ulteriori testimonianze “interne”, su alcune stazioni spaziali top secret, più grandi della Stazione Spaziale Internazionale, utilizzate dalla navicella antigravità T3-3B, localizzata fuori dalla base aereonautica di Tampa in Florida. Smith ha discusso la sua conoscenza del programma NASA top secret, completamente separato dal programma USAF supportato dalla Defense Intelligence Agency, National Security Agency e National Reconnaissance Office.

Ci sono due sezioni per la NASA. Uno è ciò che il pubblico vede e un altro tipo è una struttura sotterranea della potente massoneria Kabal, che fa cose davvero mediocri, fino a far arrivare le cose nello spazio per questi e altri posti classificati” spiega Smith. Corey Goode invece dichiara di essere a conoscenza del personale dell’USAF addestrato ad essere astronauta con il programma segreto della NASA, e che ha incontrato il personale della NASA su una delle basi segrete della Luna chiamata Lunar Operations Command.

Di seguito riportiamo l’intervista, in risposta alle domande di Wilcock, rivolta a Goode e a Smith, sul programma top secret.

CG: Beh sì, in realtà è la stessa parte di cui parlavo il corpo degli astronauti segreti … è quasi tutto Air Force
ES: Sì.
CG: … Cercando di ricordare il nome della base … che fanno molto del loro allenamento … è vicino a uno dei Grandi Laghi. Una base in cui addestrano queste persone a far volare queste tecnologie avanzate.
ES: Giusto … Tornando all’Aeronautica e alla NASA, sicuramente stanno tutti lavorando insieme. Sono totalmente d’accordo al 100% perché sono tutti astronauti dell’Aeronautica Militare che svolgono queste missioni … sono addestrati separatamente.

Parte sotterranea del comando delle operazioni lunari in cui il personale della NASA è stato avvistato da Corey Goode. Credito: Sphere Being Alliance / Gaia.com

Stavolta, le forti affermazioni di Smith e Goode sono supportate da prove documentali rilasciate dall’Ufficio Nazionale di Ricognizione, e riguardano il corpo militare top secret di astronauti addestrati per un programma di laboratorio in orbita: dal 1963 al 1969, 17 astronauti militari furono addestrati segretamente insieme a quelli scelti per le normali missioni della NASA, e furono stanziati per unirsi al programma spaziale USAF classificato.

PBS spiega quanto segue:

“Questi uomini, 17 in tutto, erano destinati a fare la storia nello spazio come i primi astronauti militari, eseguendo ricognizioni nascoste dall’orbita. Tuttavia, mentre gli astronauti della NASA coprivano copertine di riviste e autografi firmati, le squadre MOL avevano giurato di mantenere il segreto; la maggior parte dei dettagli del programma rimane ancora oggi classificata. E MOL è stato cancellato nel 1969, prima che uno dei suoi astronauti andasse nello spazio. Mentre il presidente Lyndon Johnson ha apparentemente cancellato il programma di Manned Orbiting Laboratory, Smith e Goode ci stanno dicendo che il programma di addestramento degli astronauti militari ha continuato segretamente e ha prodotto centinaia o addirittura migliaia di astronauti militari per le missioni classificate NASA e USAF nei decenni successivi”.

Ma continuiamo con l’intervista:

DW: Hai detto qualcosa di provocatorio.. hai detto che eri uno di questi astronauti.

ES: Avevo programmato di salire su una delle navette, sì, per fortuna non l’ho fatto perché quello che è esploso in Texas è stato il mio volo di ritorno [Space Shuttle Columbia è esploso nel nord del Texas il 1 febbraio 2003].

DW: In realtà stai dicendo lo space shuttle regolare?

ES: Sì, lo space shuttle regolare

DW: Saresti diventato un astronauta convenzionale?

ES: Sì, per quello.

Smith  afferma anche: “Mentre lavoravamo allo Space Aeromedical Institute, siamo stati contattati come astronauti per andare effettivamente, in questi luoghi e fare alcuni test per viaggi spaziali a lungo termine per gli esseri umani. Stavano cercando di scoprire un modo in cui potremmo far durare il tuo corpo molto più a lungo nello spazio prima che inizi a rompersi ….Stavo lavorando in Florida presso lo Space Coast Aeromedical Institute quando ho sviluppato per la prima volta il mio dispositivo con cellule staminali al plasma ricco di piastrine. E pensavano che ci sarebbe stato qualche uso per queste proprietà rigenerative nello spazio. E volevano vedere se potevi ancora concentrare queste cellule nello spazio e se sarebbero ancora fattibili per dare agli astronauti l’esplorazione spaziale a lungo termine”.

Il lavoro di Smith in campo medico

Anche questa affermazione di Smith trova effettivo riscontro: alla fine degli anni ’90 , Smith era considerato un pioniere nel campo emergente del “plasma piastrinico” (PRP), e con la sua ricerca sulle cellule staminali, ha contribuito allo sviluppo del “gel piastrinico”, descritto dalla Platelet Gel Network come “un sigillante per ferite a base di piastrine usato per migliorare e accelerare la riparazione di ferite e ossa. Il gel piastrinico contiene un’alta concentrazione di piastrine e una concentrazione nativa di fibrinogeno raccolto mediante separazione centrifuga del sangue intero autologo. Il gel piastrinico ha molti componenti caratteristici che gli permettono di offrirsi come prodotto superiore per aumentare la guarigione delle ferite“.

Smith era un presentatore al Platelet Gel Symposium della Florida, tenutosi dal 16 al 18 marzo 2002, sul tema”Preparazione per l’applicazione chirurgica, preparazione per l’applicazione di ferite croniche, valutazioni del recupero piastrinico, risoluzione dei problemi, documentazione”.

Nel 2004, Smith ottenne un brevetto per un assemblaggio di “provette per centrifuga”, per separare i prodotti del sangue usati per la ricerca piastrinica. Basandosi sulla sua pionieristica ricerca medica sui dispositivi di guarigione ricchi di piastrine e sull’associazione con il dott. Buza, nel 2003 Smith abbia programmato alcune ricerche mediche spaziali classificate con l’Istituto aeromedico meridionale , Space Coast.

Smith e Goode hanno inoltre spiegato che il programma spaziale segreto della NASA utilizza triangoli antigravitazionali, ed entrambi erano a conoscenza di un’ala altamente classificata di tali triangoli che volavano fuori dalla MacDill Air Force Base, sede del comando delle operazioni speciali.

ES: Beh, c’è un volo di loro alla MacDill Air Force Base di Tampa, in Florida.

CG: Oh sì, in effetti, il dott. Salla di exopolitics.org ha recentemente scritto diversi articoli. Prima che l’ultimo uragano  colpisse la Florida, la gente li fotografava mentre  questi oggetti , uscivano in volo dalla base MacDill. 

ES: Assolutamente …

Le fotografie scattate da JP hanno mostrato diversi tipi di veicoli antigravitazionali, come esemplificato nel seguente video che comprende le foto scattate di un incidente del 19 ottobre vicino a MacDill AFB.

La patch descritta, era importante perché rivelava che il velivolo antigravità non faceva parte di un programma di test, ma apparteneva a un’ala operativa di triangoli volanti e altri mezzi antigravitazionali che operavano su MacDill. Smith e Goode avevano confermato che una tale ala antigravitazionale opera clandestinamente a MacDill, e ricade sotto l’autorità del Comando Operazioni Speciali.

Smith e Goode continuano durante l’intervista, a descrivere ciò che avevano visto riguardo alle stazioni spaziali classificate gestite dall’USAF:

CG: Ne ho descritto una in passato ed è stata una stazione spaziale creata dagli scafi della NASA, o dai ripetitori di razzi che avevano riproposto, che erano stati espulsi da altri lanci di missili nello spazio. Li hanno riproposti, mettendoli end-to-end in un grande cerchio.

ES: Giusto

CG: Era come un raggio che si irradia da un centro e si è ruotato lentamente per creare un terzo di gravità.

ES: Giusto, ed è quello, questo è quello. Te l’ho già detto [indicando David Wilcock] su questo un po ‘di tempo fa.

DW: Sì, l’hai fatto.

ES: Quindi sentirlo dire è molto illuminante.

CG: E le immagini che ho visto dove il raggio nel mezzo avevano un’area che andava giù, e tutto il resto stava girando ma il centro era abbastanza posizionato dove non si muoveva. Ed è qui che i TR-3B si collegano, era in un porto qui, qui in alto. E sarebbero arrivati, e sarebbero usciti attraverso i raggi e andare alle sezioni della stazione che sono state create da queste parti recuperate.

ES: Giusto, bonificato. Anche la NASA ricicla, non è bello.

La conferma di Smith delle precedenti dichiarazioni pubbliche di Goode relative alle stazioni spaziali classificate create con razzi ripetitori è molto significativa. Conferma che uno SSP USAF classificato ha adottato il concetto principale alla base del Laboratorio di orbita di Manned – usando stadi di richiamo riutilizzati dai razzi Titan II : la differenza principale era che piuttosto che usare un singolo razzo Titan modificato per creare una piattaforma spaziale orbitante per la sorveglianza terrestre, fino a nove di questi ripetitori ripetuti sarebbero collegati per formare una stazione spaziale di forma circolare.

È importante sottolineare che Smith e Goode hanno inoltre rivelato che la NASA ha un proprio programma spaziale segreto che utilizza astronauti Air Force segretamente addestrati, oltre al programma civile ampiamente noto al grande pubblico. La pretesa di Smith di essere stata programmata per unirsi a questo corpo di astronauti segreto al fine di condurre una ricerca medica pionieristica per ottimizzare le prestazioni degli astronauti è plausibile in base alla sua ricerca pionieristica e ai brevetti relativi alle applicazioni PRP.

di Michael Salla

Redazione Segnidalcielo