Earth Changes Esplorazione spaziale

La NASA annuncia la costruzione di uno “spazioporto” con equipaggio in orbita intorno alla Luna

La NASA ha annunciato l’intenzione di costruire uno spazioporto con equipaggio in orbita intorno alla luna, di cui l’uso primario sarà una zona di sosta per una più profonda esplorazione dello spazio. La stazione sarà chiamata Deep Space Gateway e sarà parte di un progetto ambizioso da parte della NASA, che ha in programma di lanciare almeno un volo all’anno nel futuro. Deep Space Gateway è la seconda fase di un progetto multifase, il primo dei quali è ancora in fase di sviluppo nella prossima generazione di razzi vetori SLS e della navicella Orion, che potranno effettuare operazioni estese nello spazio. Il portavoce del progetto William Gerstenmaier ha detto: “Mi immagino diversi partner, sia internazionali sia commerciali, che potranno contribuire al DSG e utilizzarlo in una varietà di modi con un sistema in grado di passare a diverse orbite, per poi permettere una varietà di missioni nello spazio profondo”.

Immagine correlata

Uno degli eventuali obiettivi del progetto è quello di creare un veicolo spaziale riutilizzabile che utilizza una combinazione di propulsione elettrica e chimica. Un veicolo di questo genere non solo sarebbe molto più conveniente rispetto agli attuali razzi monouso, ma consentirebbe un avvio e un aumento notevole della frequenza e della portata delle missioni. Dal comunicato stampa della NASA si apprende che “la porta di accesso (gateway) e il trasporto potrebbero potenzialmente sostenere una missione dopo l’altra come un centro di attività nello spazio profondo nei pressi della Luna; e il progetto potrà essere rappresentato da più paesi e agenzie spaziali come partner di governo e l’industria privata”.

Uno dei punti più interessanti del documento della NASA è l’idea che lo spazioporto sarebbe reso disponibile per l’uso da parte del settore privato, nonché di programmi spaziali finanziati dal governo. Chiaramente la NASA prevede un futuro in cui l’esplorazione dello spazio sia realizzabile da parte delle imprese private, così come loro stessi e una manciata di altre agenzie. Anche se la maggior parte di queste aziende spaziali private sono attualmente nel loro stato di infanzia. Se il progetto venisse eseguito secondo i programmi, nel giro di pochi anni ci sarebbero missioni con equipaggio verso Marte, che diventerà appunto una realtà. Se il Lunar Spaceport sarà un successo, ulteriori spazioporti forse potranno orbitare intorno a Marte o altri pianeti e ciò potrebbe aprire la strada per l’espansione umana ed eventualmente la colonizzazione del sistema solare. Questo porterà con sé grandi progressi in entrambe le tecnologie e indirettamente anche beneficio alle persone sulla Terra e ampliare la nostra conoscenza dello spazio e del sistema solare in generale.

Potete vedere il comunicato stampa completo della NASA qui di seguito: https://www.nasa.gov/feature/deep-space-gateway-to-open-opportunities-for-distant-destinations.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Sonde della NASA hanno individuato una “bolla artificiale” che circonda la Terra
I misteriosi “Cerchi di Ghiaccio” nell’Artico, incuriosiscono la NASA
Il Sole emette altro “Brillamento” molto forte, il quarto in meno di una settimana. Colpirà la Terra il 14 Settembre!

Comments are closed.