Minaccia Biologica

Irlanda: infermiera denuncia all’autorità giudiziaria i danni provocati dal vaccino Gardasil

Solo qualche mese fa, la denuncia sanitaria di una infermiera francese, Mariane Lochu, moglie di un noto chirurgo, la cui figlia Oriane si è ammalata di miofascite macrofagica in seguito alla terza inoculazione di Gardasil [vaccino contro l’HPV], aveva aperto ulteriormente la strada alle indagini del Consiglio di Stato francese a seguito della conferma di nesso di causalità, in 8 casi [a tutto il 2 luglio 2015], tra l’elevata dose di alluminio contenuto nel vaccino e la patologia neurologica indotta.

Ieri, in Irlanda, un’altra infermiera, Fiona Kirby,  membro di un gruppo di sostegno ai genitori denominato R.E.G.R.E.T. [Reactions and Effects of Gardasil Resulting in Extreme Trauma], ha presentato la sua denuncia sanitaria presso il Tribunale, in quanto sostiene che la figlia ha subito “orrendi effetti avversi” dopo aver ricevuto il vaccino contro l’HPV.

La Sig.ra Kirby, è motivata a richiedere all’Alta Corte di Giustizia un’ordinanza per ritirare la licenza alla commercializzazione del vaccino Gardasil; identica ordinanza è stata richiesta alla Health Products Regulatory Authority [HPRA], che monitora i prodotti per la salute in Irlanda, al fine di procedere alla sospensione della raccomandazione di Gardasil in qualsiasi programma di vaccinazione.

In Irlanda, il vaccino è offerto alle ragazze adolescenti dal maggio 2010 nel quadro del programma di vaccinazione scolastico e figura tra le vaccinazioni raccomandate dall‘Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il gruppo R.E.G.R.E.T. sostiene circa 100 ragazze che hanno contratto malattia dopo avere ricevuto ilvaccino. Nella sua denuncia sanitaria, la Sig.ra Kirby afferma che, entro 24 ore dalla vaccinazione, nel mese di ottobre2011, sua figlia di 11 anni ha avuto una grave influenza con altri gravi sintomi. Questi sintomi riapparvero alla seconda somministrazione di vaccino, cosicché sua figlia non ha ricevuto la terza dose raccomandata dal programma vaccinale.

Inoltre, la Sig.ra Kirby afferma che, sempre a seguito della vaccinazione, la figlia è diventata estremamenteastenica, defedata, e ha progressivamente perso massa e tono muscolare, a tal punto da doversi assentare da scuola finché è stata ricoverata per una polmonite bilaterale nel marzo 2012. 

Sua figlia è ora in uno stato di disabilità indotta, a tal punto da essere bisognosa di cure permanenti.  La Sig.ra Kirby ha chiaramente affermato che sua figlia ha sofferto “orrendi effetti avversi” causatidirettamente dalla vaccinazione ed ha pensato inizialmente che i problemi di sua figlia fossero un caso isolato. Invece, tramite l’associazione R.E.G.R.E.T., ha scoperto che molte altre ragazze soffrono di “simili problemi di salute che cambiano la vita”  e che si sono verificati subito dopo aver ricevuto il vaccino.

Per questo motivo, la Sig.ra Kirby, è stata accompagnata in Tribunale da altre donne e membri del gruppo di supporto dei genitori. La causa è stata rinviata di tre settimane, dal Giudice Paul Gilligan, per consentire alHPRA di presentare una dichiarazione giurata in risposta alla denuncia sanitaria presentata dalla donna.

Il nostro fermo augurio è che, dopo Giappone , Francia , Stati Uniti , Gran Bretagna  e addirittura l’Agenzia Europea dei Medicinali , anche in Irlanda si cominci a fare luce su questo scandalo mondiale e sui danni, in generale, causati dalla vaccinazione anti-HPV.

RSdC

[ot-video][/ot-video]

[ot-video][/ot-video]

tratto da: fonte

SHARE
RELATED POSTS
Vaccini: siamo nelle mani di pazzi
Agenzia internazionale per l’energia atomica: “un terzo degli oceani del mondo contaminato dalla Radiazione di Fukushima”
Allarme nucleare Fukushima: un muro di ghiaccio contro le Radiazioni

Comments are closed.