Home Allerta Globale In arrivo una TEMPESTA SOLARE che potrebbe influenzare i satelliti terrestri

In arrivo una TEMPESTA SOLARE che potrebbe influenzare i satelliti terrestri

2778
0

Una macchia solare ha rilasciato una raffica di particelle nel sistema solare e gli astronomi hanno avvertito che la corrente solare di 600 chilometri al secondo potrebbe avere un effetto sulla tecnologia dei satelliti terrestri.

Una tempesta solare è stata spazzata via dal Sole e il flusso di particelle risultante potrebbe colpire la Terra. Quando accadrà, stasera o domani, potrebbe influenzare la tecnologia satellitare della Terra. Le tempeste solari possono essere dannose per la tecnologia satellitare, poiché possono riscaldare l’atmosfera esterna della Terra, provocandone l’espansione e rendendo difficile per i segnali satellitari raggiungere il suolo.

Gli esperti hanno affermato che i venti solari che raggiungono velocità di 600 chilometri al secondo si stanno dirigendo verso la Terra dal Sole e potrebbero innescare una tempesta G1.

Una tempesta solare di classe G1 può causare “lievi fluttuazioni nella rete elettrica” ​​e può avere un “impatto minore sulle operazioni satellitari”.

Il sito di astronomia Space Weather ha dichiarato: “I meteorologi NOAA dicono che piccole tempeste geomagnetiche di classe G1 sono possibili l’1-2 febbraio, quando si prevede che una corrente del vento solare colpisca il campo magnetico terrestre.” “Il materiale gassoso scorre da un buco nell’atmosfera solare meridionale. “La velocità del vento solare potrebbe aumentare a più di 600 km / s quando arriva la corrente, provocando brillanti aurore artiche”.

Anche se si prevede che questa tempesta avrà scarso effetto sulla Terra, gli scienziati hanno avvertito che una grande tempesta solare, che distrugge la tecnologia, potrebbe verificarsi in media ogni 25 anni.

 ricercatori ritengono che se la tempesta avesse colpito la Terra, avrebbe potuto abbattere la tecnologia del nostro pianeta.

L’autrice principale, la professoressa Sandra Chapman, Center for Fusion, Space and Astrophysics presso l’Università di Warwick, ha dichiarato: “ Queste super tempeste sono eventi rari, ma stimare la loro probabilità di accadimento è una parte importante della pianificazione del livello di mitigazione. .

“Questa ricerca propone un nuovo approccio ai dati storici, per fornire una migliore immagine della probabilità di verificarsi di superstorm e della loro attività che probabilmente vedremo in futuro”. La più grande tempesta solare che abbia mai colpito la tecnologia è avvenuta nel 1859, quando un’ondata di elettricità durante quello che ora è noto come Evento Carrington è stata così forte che i sistemi telegrafici sono caduti in tutta Europa. Si dice che alcuni edifici abbiano preso fuoco a causa dell’impulso elettrico.

Redazione Segnidalcielo