Home Computer del Futuro Il Pentagono sviluppa una Tecnologia che Predice il Futuro

Il Pentagono sviluppa una Tecnologia che Predice il Futuro

2351
0

Il Pentagono sta sperimentando un sistema di intelligenza artificiale (AI) che consentirà alle forze armate statunitensi di prevedere con precisione il futuro e “vederlo con giorni di anticipo” . Il Global Information Dominance Experiment (GIDE) può prevedere le azioni di qualsiasi potenziale nemico, affermano gli esperti del Pentagono. Ad esempio, se ci fossero movimenti di truppe cinesi o sottomarini russi, l’intelligenza artificiale potrebbe lavorare per prevedere dove è probabile che vengano schierati.

Gli Stati Uniti potrebbero quindi schierare le proprie forze per scoraggiare qualsiasi potenziale atto ostile, afferma il Pentagono. I suoi esperimenti stanno portando l’intelligenza artificiale nel regno della fantascienza, come mostrato nel film Minority Report , in cui un’unità speciale di polizia può arrestare gli assassini prima che commettano i loro crimini. Glen VanHerck, comandante dello United States Northern Command (NORTHCOM) e del North American Aerospace Defense Command (NORAD) ha affermato che il processo decisionale abilitato dall’intelligenza artificiale può consentire la capacità di vedere giorni in anticipo crea una decisione spaziale, secondo il web magazine La Guida.

Ha spiegato che lo “spazio decisionale” gli consente, in qualità di comandante operativo, di posizionare potenzialmente le forze per creare opzioni di deterrenza e informare il segretario o persino il presidente. Sebbene non abbia menzionato direttamente la Russia e la Cina, ha affermato che il fulcro del lavoro pionieristico sull’intelligenza artificiale erano i “due concorrenti” dell’America . I dati raccolti da tutto il mondo sono condivisi in un cloud e possono essere elaborati ad alta velocità utilizzando l’intelligenza artificiale. Ciò consentirà alle forze statunitensi di avanzare e posizionarsi per la sconfitta di qualsiasi avversario.

Prevedere il futuro

Quindi i comandanti saranno in grado di agire prima e dissuadere il nemico. In poche parole, l’intelligenza artificiale predice i passi di qualsiasi avversario . E se a questa nuova tecnologia aggiungiamo il Progetto Stargate, allora siamo di fronte al vero “Minority Report” .

Durante il periodo di tensione della Guerra Fredda, il governo degli Stati Uniti ha schierato una nuova potente arma contro l’Unione Sovietica: i sensitivi.

In un progetto altamente classificato condotto in un laboratorio di ricerca della California negli anni ’70, e successivamente in una base dell’esercito nel Maryland, la CIA, l’esercito e l’agenzia di intelligence della difesa hanno reclutato uomini e donne che affermavano di avere capacità di percezione extrasensoriale (ESP) per aiutare a scoprire segreti militari e di intelligence nazionale.

Nel 2017, la CIA ha declassificato circa 12 milioni di pagine di documenti che hanno rivelato dettagli precedentemente sconosciuti sul programma, che alla fine sarebbe diventato noto come Project Stargate. I sensitivi conosciuti come “astanti remoti” avevano partecipato a varie operazioni, dalla localizzazione di ostaggi rapiti da gruppi terroristici islamici al tracciamento dei percorsi di criminali in fuga all’interno degli Stati Uniti.

Più sorprendente di tutti, però, i documenti declassificati hanno mostrato che gli analisti della CIA volevano testare le capacità di Uri Geller nell’area della “proiezione mentale” e il suo possibile utilizzo per la sicurezza nazionale. Geller è stato determinante nell’indagine del governo degli Stati Uniti su ESP e psicocinesi. Persino Geller ha anche partecipato a una serie di test di psicocinesi classificati in un laboratorio a Livermore, in California, dove gli scienziati stavano sviluppando testate nucleari avanzate, sistemi laser e altre tecnologie di armi emergenti.

Ora, la nuova tecnologia ci mostra che il Pentagono è sempre stato alla ricerca dell’arma definitiva : predire il futuro. Quello che ci resta da sapere è quali implicazioni avrà questo sistema nella nostra vita quotidiana. Sembra che un’altra visione di Philip K. Dick si stia avverando. Ora sorge una domanda: useranno la futura tecnologia di previsione contro la popolazione?

Redazione Segnidalcielo

source