Tecnologie

Il Pentagono sta per “reclutare” soldati, ma con cervello poco umano…

 

l Dipartimento della Difesa statunitense potrebbe essere in fase di creazione di un nuovo tipo di robot con pensiero autonomo.

Fin dalla sua istituzione nel 2009, il programma delle Agenzia di Progetti di Ricerca Avanzata della Difesa (DARPA), ha ricevuto milioni di dollari con la speranza di replicare il cervello umano.

Sandra Erwin, editore del National Defense Magazine, parla nella sua ultima pubblicazione di questo ambizioso programma chiamato ‘intelligenza fisica’ che, secondo la richiesta del Pentagono , dovrebbe portare a “la comprensione dell’intelligenza come un fenomeno fisico per la prima dimostrazione di questo principio in elettronica e prodotti chimici. ” Erwin dice che oggi, quattro anni dopo la sua formazione, un team di scienziati guidati dal professor James Gimzewski, dell’Università di Los Angeles, California (UCLA), è solo a pochi “centimetri dal traguardo “per raggiungere il loro obiettivo.

robotics neural546 Apr. 14 09.08

Gimzewski e il suo team hanno costruito una piccola macchina per permettere ai robot di attaccare in modo indipendente, cioè senza fare affidamento su codici di calcolo convenzionali, ma attraverso fili microscopici che emulare gli impulsi elettrici e chimici inviati da una cellula all’altra del cervello . “Invece di passare informazioni dalla memoria al processore, come i computer tradizionali, queste informazioni  passano atraverso processi di dispositivi elettronici, in un modo completamente nuovo“, commenta lo scienziato.

robotics neural545 Apr. 14 09.08


Sinapsi sintetiche

Gimzewski dichiara ancora: “ciò che distingue da questo nuovo dispositivo robotico è che è interconnesso attraverso nanofili in possesso di miliardi di connessioni come un cervello umano, ed è in grado di ricordare le informazioni. Ogni connessione è una sinapsi sintetica “, spiega.

robotics neural547 Apr. 14 09.11

Sandra Erwin, dice che “tuttavia, non e ancora chiaro se il Pentagono è pronto ad adottare questa tecnologia per i suoi sistemi d’arma” – citando poi una dichiarazione della politica del Dipartimento della Difesa, in vigore dal 2012 che limita la potenza del Pentagono per rendere i robot completamente autonomi. Nonostante le limitazioni di legge, i progetti in corso della DARPA suggeriscono che è solo una questione di tempo prima che i militari degli Stati Uniti possano entrare in possesso di un nuovo tipo di robot guerrieri o terminator.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
La Luna potrebbe diventare una centrale elettrica
Ex Spia inglese avverte che la Tecnologia Extraterrestre può mettere a rischio la sicurezza del pianeta
Costruito il primo “Robot-microbo”. Potrà entrare nel corpo umano per consegnare farmaci e operare

Comments are closed.