paranormale UFO

Il misterioso fenomeno di “combustione” dell’Albero del Diavolo

A darne notizia è il quotidiano inglese DailyMail, che dedica un articolo al misterioso Albero del Diavolo. Si tratta di un  qualcosa strettamente legato alla natura, oppure dietro a questo fenomeno si ansconde qualcosa di inquietante? Forse si tratta dei “segni” di una Nuova Era come lo era per il 2012 dei Maya? Oppure si tratta di un fenomeno appunto definito “naturale” e che la scienza ancora non è in grado di comprendere?

Il video, seppur breve è impressionante, ed è stato registrato da un gruppo di escursionisti in Ohio, Stati Uniti d’America, in cui l’insolito protagonista è un albero enigmatico. Ma non è un albero che sta bruciando nella sua parte interna, come se fosse lava, ma la cosa misteriosa è che lo stesso albero emette potenti fiamme rosse e arancioni, ma senza comprometterne la struttura o apportare alcun danno. Altra cosa strana e che non vi sono tracce di fumo, il che dà ancora più mistero per il fenomeno mdi combustione che compare davanti agli occhi degli escursionisti, che appunto hanno registrato un breve filmato con un telefono iPhone.

L’albero è stato chiamato con il nome suggestivo e cupo di “Albero del diavolo” e, a giudicare dalle immagini non vi è ragione di chiamarlo in altro modo. Il video è stato pubblicato il 1 Gennaio 2016 e già sta fcendo il giro della rete Youtube e molti commenti sono emersi,cercando di spiegare i motivi del fenomeno di combustione. Nel caso dell’Albero del Diavolo, beh..possiamo dire che la verità è più strana della finzione,  ma nessuno riesce fino ad aora a trovare una spiegazione razionale a questo fenomeno. Attendiamo ulterori news in merito con la speranza che qualcuno possa dare una spiegazione plausibile.

Redazione Segnidalcielo

[ot-video][/ot-video]

riferimenti: link

SHARE
RELATED POSTS
Messico: il governo ha nascosto le prove di un Contatto Alieno con il Popolo Maya
Avvistato e filmato un UFO vicino alla Stazione Spaziale Internazionale
Avvistamenti UFO in Italia e nel mondo

Comments are closed.