Cambiamenti Climatici Disastri Ambientali Earth Changes Planet X Nibiru

Il fisico Dr. Michio Kaku annuncia in TV: “l’Arma Geofisica HAARP responsabile della creazione degli Uragani”

Il fisico di fama mondiale Dr. Michio Kaku ha fatto una confessione particolare in diretta TV,  quando ha ammesso che HAARP potrebbe essere responsabile della recente famiglia di potenti Uragani che stanno dilaniando la partee atlantica di Cuba e parte degli Stati Uniti.

In un’intervista trasmessa dalla CBS, il Dr. Kaku ha ammesso che gli ultimi uragani “potrebbero” essere stati il ​​risultato di un programma governativo di modifica del tempo in cui i cieli sono stati irrorati da nano particelle che causano tempeste potenti, “attivate” poi attraverso l’uso di fasci di onde emesse da antenne disclocate su tutto il pianeta.

La trasmissione base di HAARP si trova a Gakona, in Alaska , dove esiste una rete di 180 antenne installata di fronte al cielo e che funge da potente trasmettitore ad alta frequenza in grado di produrre 10 megawatt di potenza e di cambiare lo strato di composizione della ionosfera a 50 km sopra la superficie del Terra. Nel 1999 il Parlamento europeo ha emesso una documento di risoluzione in cui si afferma che il progetto HAARP viene applicato per manipolare l’ambiente e per scopi prettamente militari. Nel 2002 il parlamento russo ha presentato al presidente Vladimir Putin una relazione firmata da 90 deputati delle commissioni internazionali e difesa, dove afferma che il progetto HAARP è una nuova “arma geofisica” in grado di manipolare l’atmosfera bassa della terra. HAARP potrebbe creare uragani e tornado potenti, oltre a tempeste e bombe d’acqua imporivvise. Ma non tutto potrebbe essere colpa di HAARP.

HAARP e Chemtrails per coprire il “pezzo grosso”

Su alcune dichiarazioni fatte da Michio Kaku, non è d’accordo la dottoressa Pattie Brassard esperta della NASA e della US Army:

Sono d’accordo sul fatto che le cose non faranno che peggiorare da ora in poi – commenta la ex esperta della Nasa Pattie Brassard – perché sta arrivando un secondo Sole con i suoi sette pianeti orbitanti. Chiamatelo con il nome che volete (Planet X, Nibiru, Hercólobus, Assenzio), è certo che è stato previsto il suo arrivo. Il secondo Sole è un decimo della dimensione del nostro Sole, ma uno dei pianeti che porta con sé in orbita è 10 masse più grande della Terra e la sua stella 4 volte più grande di Giove (Blu Kachina previsto dagli indiani Hopi)”. Secondo la signora Brassard, vediamo che le cose peggiorano sensibilmente da ora in poi.

“I pianeti hanno orbite che vanno a disturbare la rotazione terrestre tale da far diminuire il campo magnetico (in un arco di tempo tra il 2017 e il 2020 ci sarà il momento peggiore). Oggi stiamo assitendo a centinaia di terremoti, uragani e inondazioni, oltre a registrare la caduta di meteoriti! Le scie chimiche (chemtrails) spruzzate da aerei commerciali e militari, per lo più nell’emisfero settentrionale, per non parlare di HAARP, sono un disperato tentativo di coprire questo “secondo Sistema Solare” e Nibiru, chiamato il “pezzo grosso”, che sta ora in fase di  allineamento con il nostro sistema stellare. Questo allineamento causerà (e già lo sta facendo) grossi problemi al nostro pianeta di tipo climatico e geologico”.

tempeste solari

Allerta rapida per violenta attività solare

Dobbiamo essere pronti – spiega il Dr. Carbone, esperto di astrofisica – e riuscire a dare in tempo utile l’allerta nel caso in cui le particelle liberate dall’attività solare possano colpire la Terra, causando tempeste geomagnetiche capaci di danneggiare i satelliti per le telecomunicazioni o di provocare blackout elettrici. Oltre a tenere d’occhio il Sole, obiettivo del servizio sarà controllare le possibili minacce che potrebbero arrivare da detriti spaziali e asteroidi che sono in aumento e rischiano di incrociare l’orbita della Terra”. “Siamo una società molto dipendente dalla tecnologia spaziale”, sottolinea Carbone. “Basti pensare – aggiunge – che l’intensa tempesta geomagnetica accaduta nel 1859 causò solo spettacolari aurore e problemi ai telegrafi ma oggi, solo negli Stati Uniti, provocherebbe danni per 2mila miliardi di dollari, fra guasti alla rete elettrica e ai satelliti per le telecomunicazioni. Sapendo in anticipo che sta per arrivare una tempesta geomagnetica, per non subire danni basta spegnere i dispositivi interessati”.

A cura della Redazione Segnidalcielo

english version: https://www.seekingthetruth.info/top-scientist-tells-cbs-haarp-responsible-for-recent-hurricanes-what-is-cloud-seeding/



 

 

 

 

 

 

 

SHARE
RELATED POSTS
Carolina del Nord (USA): meteorite vista cadere nella Cleveland County
Global Earthquake – Allarme terremoti su tutto il pianeta
Una Tempesta Magnetica prolungata colpirà la Terra entro fine Settembre 2019

Comments are closed.