Geoingegneria Nuovo Ordine Mondiale Scie chimiche e Haarp

HAARP: nella base di Gakona in Alaska eseguito il primo esperimento per creare una Aurora Artificiale!

Per tre o quattro notti consecutive uno scienziato in Alaska tenterà di creare un Aurora Artificiale che potrebbe forse potrebbe essere vista anche nello Yukon, uno dei tre territori del Canada, situato nel nord-ovest del paese. L’esperimento è stato eseguito giorni fa presso l’Osservatorio di HAARP a Gakona, Alaska.

Un primo esperimento ha avuto inizio ieri (21/09/2017) alle 21.30 ed è stato eseguito dalla base di HAARP – High-frequency Active Aurora Research Program Observatory che si trova a Gakona in Alaska. Un airglow artificiale nel cielo sembra si stato creato dall’assistente di ricerca Chris Fallen che lavora all’Università di Alaska Fairbanks presso l’Istituto di Geofisica. Il Dr. Fallen tramite Twitter ha detto che si è tentato un primo esperimento che continuerà stasera (22/09/2017) ma sembra che il primo ciclo di onde HAARP sparate nell’atmosfera, abbia creato un a Aurora boreale molto piccola. Il problema è dovuto all’intensa nuvolosità presente in quel momento su Gakona.

Chris Fallen controlla attraverso il monitor il fascio di energia di onde HAARP che si dirige nella parte alta dell’atmosfera, dove appunto si creerà l’Aurora artificiale.

L’esperimento vedrà l’impiego di una serie di trasmettitori ad alta frequenza conosciuti come HF collegati a un vasto campo di antenne, il tutto alimentato da 5 generatori diesel. Il risultato sarà un fascio di energia focalizzato esattamente nel punto in cui gli scienziati vorranno creare questa aurora artificiale. A spiegare più nel dettaglio la natura dell’esperimento è Chris Fallen, come viene riportato dal sito news.uaf.edu. “In quel punto l’energia stimola l’atmosfera esattamente come fa il Sole a circa 180 chilometri sopra lo nostre teste”.

È proprio questo l’obiettivo dell’esperimento, ricreare artificialmente un fenomeno naturale strettamente legato all’attività solare: “Le particelle che giungono dal Sole ionizzano gli atomi (ossia strappano loro gli elettroni che ruotano attorno ai nuclei) dell’alta atmosfera mettendoli in agitazione. Quando gli elettroni ritornano al loro posto emettono luce che origina le aurore con i loro spettacolari colori. Noi cercheremo di realizzare questo dal basso, con le onde radio HF e chiunque potrà seguirci nello svolgimento dell’esperimento”.

Per l’occasione infatti sono stati elaborati diversi strumenti con lo scopo di registrare il risultato dell’esperimento. I residenti di Dawson City a Yukon e Whitehorse dovrebbero avere una buona probabilità di fotografare l’aurora artificiale, ma solo se le condizioni meteo siano buone. Fallen ha detto che nella zona nord del Canada, potrebbe essere la migliore probabilità per poter individuare l’aurora artificiale è scattando fotografie, dato che a occhio nudo non si riesce a percepire bene. Fallen ha detto che in passato l’osservazione è stata ostacolata grazie alle nuvole e ha detto che se il tempo non è in suo favore questa volta,  rinvierà l’esperimento.

Tutti i passi che condurranno alla prevista aurora artificiale verranno resi pubblici su twitter (@ctfallen), in modo che chiunque si trovi alla giusta latitudine abbia la possibilità di immortalare lo spettacolare fenomeno.
Ma perché tutto questo? Secondo la versione ufficiale dettata dagli autori del Progetto, l’idea sarebbe quella di comprendere maggiormente le dinamiche che intercorrono tra il Sole e la nostra atmosfera, in particolare cercando di capire come l’attività della nostra stella possa influenzare i satelliti in orbita, ma anche la strumentazione scientifica e elettronica che abbiamo qui sulla terra.

A cura della Redazione Segnidalcielo

Video: HAARP Artificial aurora to be created over western Arctic



SHARE
RELATED POSTS
La Geoingegneria, la CIA e il controllo globale del clima
Nubi di plasma artificiali create dal Progetto HAARP e finanziato dall’Agenzia DARPA
La verità sull’ 11 Settembre rivelata per la prima volta in una Tv americana!

Comments are closed.