Disastri Ambientali

Fukushima: disperse circa 100 tonnellate di acqua radioattiva

Circa 100 tonnellate di acqua radioattiva sono fuoriuscite da uno dei serbatoi della centrale nucleare di Fukushima. Ad annunciarlo è stata la Tepco con una nota ufficiale, dopo che alcuni operai si sono accorti poco dopo la mezzanotte del 19 febbraio (ora giapponese) della fuga di acqua contaminata.
La perdita, probabilmente, è stata causata da un riempimento esagerato del serbatoio in questione per colpa di un flusso eccessivo di acqua attraverso un tubo con valvole che non funzionavano bene.
 
Gli operai si sono resi conto dell’acqua che scorreva attorno al serbatoio e che veniva, poi, assorbita dal terreno circostante. La perdita, fa sapere la società, è stata contenuta e le indagini sul motivo che ha causato l’ennesimo riversamento di acqua contaminata sono ancora in corso. Si ritiene che l’acqua contaminata non abbia potuto raggiungere l’oceano poiché il mare si trova a circa 700 metri di distanza dal serbatoio e non vi sono percorsi diretti che li collegano.
 
“Siamo profondamente imbarazzati che questo tipo di evento inaccettabile si sia verificato dopo i tanti passi che abbiamo intrapreso per migliorare la gestione dell’acqua immagazzinata. Faremo dunque condurre un’indagine approfondita su ciò che è accaduto e determineremo quali misure supplementari devono essere prese per prevenire qualsiasi evento simile in futuro, rafforzando ulteriormente la gestione dell’acqua immagazzinata“, ha affermato il Direttore e Vice Presidente Esecutivo della Tepco Zango Aizawa. Da quando il terremoto e il successivo tsunami hanno colpito il Giappone, nel marzo del 2011, la Tepco sta contenendo molto difficilmente i quantitativi di acque contaminate che di tanto in tanto fuoriescono dai serbatoi della centrale. Nonostante le continue rassicurazioni della Tepco, si è assistito all’ennesimo incidente, dimostrando che la società che gestisce la centrale o sta sottovalutando i livelli di radiazione presenti nelle acque o non riesce a gestire la faccenda che diventa tanto più pericolosa trovandosi la centrale nucleare in un terreno situato a soli 80 metri dal mare.

 

 

tratto da: fonte – fonte
SHARE
RELATED POSTS
Qualcosa di grosso sta per accadere!! L’Oceano Atlantico si ritira e il Pacifico si espande!
L’umanità è in pericolo per via degli OGM umani, lo afferma un ricercatore
Fukushima: grande successo della tecnologia KESHE usata per la bonifica delle Radiazioni – disponibile il “file” della chiavetta USB

Comments are closed.