UFO Vita nel Cosmo

Forme di Vita “Nucleari Extraterrestri Intelligenti”possono essere trovate all’interno delle Stelle

Questa volta gli scienziati propongono che la vita aliena possa formarsi all’interno delle stelle. Ora, questo suona bizzarro, ma forse dobbiamo smetterla di considerare i requisiti per la vita così come la conosciamo e guardare invece alle possibilità più estreme.

Una nuova  ricerca dei fisici Luis Anchordoqui ed Eugene Chudnovsky della City University di New York propone l’esistenza della cosiddetta “vita nucleare.

“La visione esistente della vita biologica è che si evolva in condizioni adeguate nel mondo, a bassa temperatura di atomi e molecole sulla superficie di un pianeta. Si ritiene che qualsiasi forma di vita extraterrestre plausibile debba assomigliare alla vita sulla Terra, governata dalla biochimica degli acidi nucleici, delle proteine ​​e degli zuccheri.

Andando contro questo dogma, sosteniamo che una forma di vita avanzata basata su specie di breve durata possa esistere all’interno di stelle di sequenza principale come il nostro Sole ”, scrivono gli scienziati nel loro articolo.

“La saggezza convenzionale afferma che la ricerca di exolife (vita aliena) richiede organismi a base di carbonio, che operano in un mezzo a base di acqua, con forme superiori (forse) che metabolizzano l’ossigeno.

Tutte le forme di vita sulla Terra condividono questa stessa biochimica di base. Tuttavia, le molecole biologiche non sono stabili in senso termodinamico. La vita può essere pensata come un iperciclo dinamico (il DNA codifica le proteine, le proteine ​​aiutano il DNA ad auto-replicarsi, il DNA codifica le proteine, ecc.), che può sopravvivere indefinitamente fintanto che l’energia libera è disponibile per esso e fino a quando l’auto-replicazione va più veloce della distruzione dei supporti di informazione. Le mutazioni nella catena informativa forniscono la selezione naturale e l’evoluzione verso specie più complesse, spiegano i ricercatori.

Come riporta RT News , “la loro teoria propone che ipotetiche particelle si formino insieme per creare stringhe cosmiche, o ‘collane’, che potrebbero esse stesse rivelarsi un elemento costitutivo di questa vita nucleare all’interno delle stesse stelle che illuminano l’universo. Queste collane cosmiche sarebbero gli equivalenti nucleari stellari del DNA e dell’RNA che costituiscono la base della vita organica qui sulla Terra.

L’umanità deve ancora rilevare queste stringhe cosmiche unidimensionali e le particelle elementari con un solo polo magnetico che le crea (monopoli), ma il nuovo studio postula che possono formarsi in strutture unidimensionali, bidimensionali e tridimensionali, in gran parte allo stesso modo gli atomi si uniscono attraverso legami chimici per formare molecole organiche.

“specie nucleari autoreplicanti” potrebbero sviluppare intelligenza, potenzialmente  superando la nostra. Spesso vengono avvistate grandi navi spaziali vicino al  Sole, forse si tratta di civiltà aliene nucleari avanzate?

 

Queste strutture cosmicamente “complesse” sarebbero sopravvissute abbastanza a lungo nella fornace nucleare estrema nel cuore di una stella per replicarsi mentre imbrigliavano l’energia di fusione, causando teoricamente l’oscuramento della stella “.

Le informazioni memorizzate nell’RNA (o DNA) codificano il meccanismo di auto-replicazione”, ha detto Chudnovsky. Questa controversa teoria è affascinante, soprattutto perché gli scienziati propongono che queste “specie nucleari autoreplicanti” potrebbero sviluppare intelligenza, potenzialmente superando la nostra. “Dal momento che si evolveranno molto velocemente, potrebbero trovare un modo per esplorare il cosmo oltre la loro stella, come abbiamo fatto noi”, ha detto Chudnovsky. “ Potrebbero stabilire una comunicazione e viaggiare tra le stelle. Forse dovremmo cercare la loro presenza nello spazio “.

Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Russia: UFO vola a bassa quota sulla città di Kemerovo – il video
NASA: la sonda Cassini fotografa un misterioso oggetto sugli anelli di Saturno
Marte, la NASA annuncia “la scoperta dell’acqua calda….anzi no, la scoperta dell’acqua salata”

Comments are closed.