Home UFO Ex ministro della Difesa canadese: “12 Militari Americani vivono su un altro...

Ex ministro della Difesa canadese: “12 Militari Americani vivono su un altro Pianeta”

6645
0

Non è un segreto per nessuno che molti leader del paese americano abbiano ammesso l’esistenza di extraterrestri. Tuttavia, è stata anche rivelata la loro interazione con gli ET attraverso diversi progetti segreti.

Paul Hellyer, ex ministro della Difesa canadese , ha fatto alcune forti rivelazioni relative al governo degli Stati Uniti e alla vita aliena.

Ha parlato del “Progetto Zeta”, un’operazione congiunta tra l’Esercito degli Stati Uniti d’America e gli alieni in cui 12 soldati sarebbero stati inviati a vivere sul pianeta Zeta.

L’incidente di Roswell ha dato inizio all’interazione uomo-alieno. Una delle rivelazioni più scioccanti fatte da Hellyer è quella del già citato “Project Zeta”: L’esercito degli Stati Uniti non ha solo comunicato con gli alieni, ma hanno già effettuato viaggi interstellari sui loro pianeti”.

La prima persona a suggerire il progetto è stato il sergente dell’aeronautica Richard Dotty. Dotty ha rivelato alla famosa giornalista Linda Moulton Howe che i militari “avevano un piano” per cooperare segretamente con una razza di alieni.

Questo progetto è nato dopo l’ incidente di Roswell . Perché, nonostante quello che molti credono, c’era un sopravvissuto all’incidente dell’UFO di Roswell. “Un alieno è stato trovato nascosto dietro una roccia ed è stato scortato segretamente.”

Questo avrebbe detto ai funzionari che il suo pianeta era nella costellazione di Reticulín e il suo nome era Zeta. Questo alieno sarebbe vissuto fino alla metà del 1952. Prima di morire, ha inviato sei messaggi al suo pianeta senza ricevere risposta. Tuttavia, alla fine di quell’anno, l’esercito degli Stati Uniti ha finalmente ricevuto un contatto ”.

“Dopo di che l’interazione è aumentata fino a quando è stato pianificato un piano di scambio”. Nel 1962 sarebbe stato ricevuto un rapporto dal pianeta Zeta dove avrebbero menzionato che due anni dopo avrebbero inviato una missione diplomatica sulla Terra.

La sua nave sarebbe atterrata alla base dell’aeronautica militare di Holloman, appena fuori Alamogordo, nel New Mexico. A quel punto, John F. Kennedy avrebbe approvato lo scambio, quindi l’Air Force selezionò 12 soldati da inviare sul pianeta Zeta.

Erano 10 uomini e 2 donne classificati come segue; 4 piloti, 2 linguisti, 1 biologo, 2 scienziati, 2 medici e 1 addetto alla sicurezza. Sono stati registrati come dipendenti “comuni”, ricevendo certificati di previdenza sociale, assicurazione sanitaria e servizi. Eppure, al mondo, erano state tutte elencate come “persone disperse in battaglia”.

“Una nave aliena è arrivata sulla Terra nel 1965 per prendere i 12 umani.” Il 24 aprile 1964, due veicoli spaziali del pianeta Zeta sarebbero atterrati alla base aerea di Holloman. “16 funzionari del governo degli Stati Uniti li hanno ricevuti”, anche se non è noto se il presidente Lyndon Johnson fosse presente. Non si sa ancora bene di cosa si sia discusso in quell’incontro, l’unica cosa certa è stata la presentazione del «Libro giallo». Un record della storia completa della Terra.

Nel luglio 1965, un altro veicolo spaziale di Zeta sarebbe tornato sulla Terra, atterrando al “Nevada Test Site”. L’intenzione era che questi vivessero per 10 anni sul pianeta Zeta per comprendere il livello tecnologico e il codice di condotta di questa civiltà.

Si dice che quattro di queste persone non siano mai tornate e di quelle quattro, due siano morte. Gli altri otto sarebbero tornati sulla Terra 13 anni dopo. Nonostante il fatto che le registrazioni esistenti di detto viaggio non possano essere confermate, le dichiarazioni di Hellyer inducono a pensare che in effetti detta operazione non solo sia esistita, ma sia stata eseguita.

“Umani e alieni hanno fatto uno scambio diplomatico”.

Redazione Segnidalcielo

tratto da:  ufo-spain.com