Home Interazioni Umani/Alieni Ex Capo del Programma Spaziale Israele: “Gli Extraterrestri hanno chiesto di non...

Ex Capo del Programma Spaziale Israele: “Gli Extraterrestri hanno chiesto di non essere rivelati, l’umanità non è ancora pronta”

6451
0

Gli umani sono entrati in contatto con gli alieni, ma la loro esistenza è stata tenuta segreta per volere di una Federazione Galattica di Extraterrestri. Gli alieni hanno chiesto di non pubblicare che loro sono qui, l’umanità non è ancora pronta. 

Questa Federazione Galattica sta aspettando che l’umanità si evolva e raggiungesse uno stadio in cui avremmo capito generalmente cosa sono lo spazio, il cosmo e le astronavi.  C’è un accordo tra il governo degli Stati Uniti e gli alieni. Hanno firmato un contratto con noi per fare esperimenti qui. Anche loro stanno ricercando e cercando di comprendere l’intero tessuto dell’universo e ci vogliono come collaboratori in questa ricerca. 

Parte di quel patto inquietante, include una base sotterranea segreta su Marte che è composta da un team di ET e americani.  Sorprendentemente, il presidente Trump era sul punto di rivelare il grande segreto di questa presenza, ma gli alieni nella Federazione Galattica, che presumibilmente governa le specie intelligenti nella galassia, stanno dicendo: aspetta, lascia che le persone si calmino prima. Non vogliono creare isteria di massa. Vogliono prima renderci sani e comprensivi. 


Tutto ciò è stato dichiarato dall’ex capo del Programma di Sicurezza Spaziale di Israele dr. Haim Eshed e pubblicato lo scorso Venerdì dal quotidiano israeliano Yediot Aharonot. 

Nell’intervista, il generale in pensione che ora è uno stimato professore ha detto a un giornalista che gli Stati Uniti e Israele sono in contatto con gli ET da un po ‘di tempo.

Per quanto riguarda il motivo per cui ha scelto di rivelare queste informazioni ora, Eshed ha spiegato che il tempismo era semplicemente dovuto in quanto è cambiato il panorama accademico e quanto sia rispettato nel mondo accademico. 

Se avessi escogitato quello che sto dicendo oggi cinque anni fa, sarei stato ricoverato in ospedale“, ha spiegato a Yediot. Ha aggiunto che “oggi parlano già in modo diverso. Non ho niente da perdere Ho ricevuto i miei diplomi e premi; Sono rispettato nelle università all’estero, dove anche la tendenza sta cambiando “.