Scienze News Tecnologie

Esperti prevedono che gli umani diventeranno Cyborg entro 200 anni

“Sarà la più grande evoluzione in biologia sin dalla comparsa della vita.”  Entro i prossimi 200 anni, gli umani saranno così fusi con la tecnologia che si saranno  trasformati in “cyborg” simili a Dio, questo secondo Yuval Noah Harari, storico e autore presso l’Università ebraica di Gerusalemme in Israele.   Yuval Harari si dedica alla ricerca per la storia della specie umana, e dopo aver scritto un nuovo libro sul nostro passato, ora crede che siamo a pochi secoli dall’essere in grado di usare la tecnologia per evitare la morte del tutto, ovvero l’estinzione della vera umanità.

cyborg

“Credo che nei prossimi 200 anni l’ Homo sapiens si evolverà in una qualche idea di un essere divino, sia attraverso la manipolazione biologica o l’ingegneria genetica della creazione di cyborg: parte organica, parte non organica”,  ha detto Harari durante la sua presentazione alla Hay Festival nel Regno Unito, come riporta Sarah Knapton per il giornale Telegraph. “Sarà la più grande evoluzione della biologia dall’apparire della vita … saremo così diversi dagli umani di oggi come gli scimpanzè lo sono ora per noi”. Ovviamente, dovremmo prendere le previsioni di Harari con un pizzico di sale, ma mentre suonano più adatte alla fantascienza che alla vita reale, in realtà non sono così fuori dalla norma. Molti ricercatori credono che abbiamo già iniziato il percorso verso un futuro cyborg; dopo tutto, molti di noi si affidano già alle orecchie e agli occhi bionici , alla tecnologia della pompa insulinica e alle protesi per aiutarci a sopravvivere.

cyborg

E con i ricercatori che hanno recentemente imparato come inviare i pensieri delle persone attraverso il web , controllare inconsciamente gli arti bionici e usare il metallo liquido per guarire i nervi tagliati , non è difficile immaginare come possiamo continuare a usare la tecnologia per integrare ulteriormente i nostri vulnerabili corpi umani.

È interessante notare che i le dichiarazioni di Harare sono giunte pochi giorni dopo che la neuroscienziata britannica Hannah Critchlow dell’Università di Cambridge aveva eccitato l’opinione pubblica sul fatto che attraverso Internet sarebbe stato possibile caricare il nostro cervello in un computer, ma se solo potessimo costruire computer con 100 trilioni di connessioni circuitali. “Le persone potrebbero probabilmente vivere all’interno di una macchina e questo potrebbe avvenire tra non molto tempo. Potenzialmente, penso che sia sicuramente una possibilità “, ha detto Hannah Critchlow durante la sua presentazione al festival.

cyborg

 

Ma Harari ha avvertito che questi aggiornamenti potrebbero essere disponibili solo per i membri più ricchi della società, e ciò potrebbe causare un crescente divario biologico tra ricchi e poveri, specialmente se alcuni di noi possono permettersi di pagare il privilegio di vivere per sempre mentre per il resto del mondo le specie si estinguono.

Se ciò sembra deprimente, l’alternativa è un futuro in cui invece di sfruttare la tecnologia, la tecnologia si avvantaggia di noi e nello stesso tempo l’intelligenza artificiale rappresenta una minaccia per la nostra sopravvivenza, come hanno predetto Elon Musk, Stephen Hawking e Bill Gates. In ogni caso, una cosa sembra abbastanza chiara: il nostro futuro come specie è ora inestricabilmente legato alla tecnologia che abbiamo creato. Nel bene e nel male.

A cura della Redazione Segnidalcielo

SHARE
RELATED POSTS
Siamo tutti cittadini di “Laniakea”, il grande e immenso paradiso cosmico che ci ospita
La Russia progetterà un cantiere orbitale per costruire stazioni spaziali e veicoli spaziali interplanetari
Una “macchia scura” di mezzo milione di km si apre sulla superficie del Sole

Comments are closed.